provvedimento di estradizione

Sfugge all’arresto: rintracciato (e ammanettato) in Albania dopo 6 mesi

Considerato il capo e massimo esponente di un sodalizio criminale smantellato dai Carabinieri di Stradella a novembre 2019.

Sfugge all’arresto: rintracciato (e ammanettato) in Albania dopo 6 mesi
Oltrepò, 03 Giugno 2020 ore 10:35

Arrestato in Albania destinatario di provvedimento di richiesta di estradizione emesso nel novembre 2019, ritenuto responsabile di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

49enne arrestato in Albania

Il 30 maggio 2020 alle ore 19:30 circa la Polizia Albanese, durante un servizio finalizzato al suo rintraccio concordato e organizzato con il NOR della Compagnia di Stradella (PV), ha fermato a Tirana, il catturando internazionale T.F., 49enne di nazionalità albanese, coniugato, nullafacente, pluripregiudicato, destinatario di provvedimento di richiesta di estradizione da parte della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Pavia, poiché facente parte di un sodalizio criminale che aveva allestito una ramificata rete di spaccio di stupefacenti consistente in cessioni al dettaglio ad acquirenti locali, nonché a consegne di ingenti partite di droga in differenti città del nord e centro Italia.

A capo di un sodalizio criminale

Lo stesso, considerato il capo e massimo esponente, del sodalizio criminale disarticolato in data 22 novembre 2019 dal Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Stradella (PV) con l’operazione di polizia convenzionalmente denominata “BROVA”, era in quell’occasione riuscito a sottrarsi alla cattura poiché recatosi all’estero immediatamente prima dell’esecuzione delle ordinanze.

LEGGI ANCHE>> Ricettazione, detenzione illegale di armi e spaccio: 5 persone arrestate

Le attività congiunte della Procura e della Arma dei Carabinieri operante, con l’emissione del provvedimento di richiesta di estradizione in capo al criminale fuggiasco, hanno consentito quindi la ricerca in ambito internazionale, con particolare riferimento al territorio Albanese. Rapporti diretti tra il personale del dipendente N.O.R. e quello della Polizia Albanese, hanno consentito la sua esatta localizzazione, determinandone l’arresto grazie ad operazione di polizia mirata finalizzata all’arresto del succitato catturando materialmente svolta sul campo dall’organo albanese.

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia