Menu
Cerca
Inevitabili

Dopo “W Darwin”, Niccolò Fraschini si dimette: cosa ha detto in Consiglio Comunale

L'annuncio dopo aver portato le sue scuse ai cittadini.

Dopo “W Darwin”, Niccolò Fraschini si dimette: cosa ha detto in Consiglio Comunale
Politica Pavia, 25 Novembre 2020 ore 08:55

Il consigliere Niccolò Fraschini si dimette da Presidente della Commissione Bilancio dopo le polemiche scatenate da un suo commento sui social.

Niccolò Fraschini si dimette

L’annuncio ieri sera, martedì 24 novembre 2020, durante il Consiglio Comunale: Niccolò Fraschini si è dimesso da Presidente della Commissione Bilancio. Queste le sue dichiarazioni durante la seduta:

“Credo sia sicuramente dovuta una dichiarazione da parte mia questa sera dopo che sui media è uscito il mio commento che ha creato non poco imbarazzo, innanzitutto anche a me. Quello che vorrei dire questa sera a voi e ai cittadini di Pavia è che mi voglio scusare senza se senza ma per quello che ho scritto. Ho usato termini veramente inaccettabili, sono il primo ad ammetterlo. Quando si era trattato di difendere il famoso post dei napoletani l’avevo fatto a testa alta ma quando uno è consapevole di aver sbagliato lo deve ammettere. E io questa sera  sono qui proprio per mettere di fronte a voi e alla nostra città l‘errore grave che ho commesso.

Un errore che prima che politico reputo umano. Le mie parole sono andate a toccare la sofferenza di tante famiglie che hanno avuto dei lutti, ma anche quelle che, anche se non hanno avuto dei lutti, stanno comunque soffrendo perchè dei loro parenti anziani sono ricoverati a causa del Covid. A loro prima di tutto vanno le mia scuse. Sono perfettamente consapevole che queste persone siano vittime innocenti di una sciagura che sta colpendo la nostra regione, il nostro paese e il mondo intero. Le mie scuse vanno a loro e alla città di Pavia. Quando si sbaglia bisogna assumersene pienamente la responsabilità ed è quello che sono qui a fare questa sera. Quel commento fatto ad un altro post non rispecchia il mio pensiero sull’intera vicenda.

Chi segue il mio profilo ha potuto constatare che per me il tema del lockdown è stato un tema cruciale, ho sempre preso una posizione molto netta e dal tono dei miei post penso che appaia con chiarezza quella che è la mia idea: gli anziani sono le prime vittime, sono persone fragili sono persone ampiamente meritevoli di tutela. Ciò che io ritengo sia stato sbagliato in questi mesi è stato quello di colpire con misure liberticide altre categorie, soprattutto i giovani. Ma il fatto che io difenda i giovani non significa che ritenga gli anziani meno meritevoli di tutela. Ritengo che le decisioni prese fino ad ora sia state punitive per i giovani. Tutto qui. Semplicemente non sono un mostro: difendo i giovani perchè penso che ci stiano rubando il futuro, ma questo non significa che ritenga meno meritevoli di tutela gli anziani.

Come ho avuto modo di spiegare anche ieri nell’unico post che ho pubblicato dopo la vicenda, ho dei genitori 70enni che so perfettamente rientrare nella categoria delle persone a rischio. Anche considerando la mia famiglia allargata, di vittime ce ne sono state e ho potuto vedere la sofferenza delle persone. Ripeto: non sono un mostro come persona, chiedo di rileggersi quello che è il mio pensiero perchè quello rispecchia realmente le mie idee e non quel particolare commento derivante da una claustrazione durante un dibattito troppo acceso.

Da ultimo visto che però rivesto un incarico politico, sono consigliere comunale e presidente della Commissione Bilancio, ritengo che non bastino le scuse e ho preso la decisione (confermata oggi (ieri n.d.r.) al Sindaco) che è quella di dimettermi dall’incarico di Presidente della Commissione Bilancio. Lo voglio fare perchè penso che quando si sbaglia si paga. Mi sono preso una responsabilità di scrivere una stupidaggine grave, adesso pago. In un paese in cui non si dimette nessuno tengo a dare un segno. Lo faccio per me. Lo faccio per l’istituzione che insieme a voi rappresento. Lo faccio per la città. Lo faccio per il Sindaco Fracassi che in questo anno e mezzo di amministrazione è stato per me un ottimo primo cittadino e non si merita di essere messo in difficoltà inutilmente da un’uscita davvero fuori luogo di un suo consigliere comunale particolarmente leale come lo sono io. Questo è quello che volevo che sapeste voi e per interposta persona tutta la città di Pavia”.

Il post

Al centro della vicenda un commento apparso sul suo profilo Facebook in cui parlava di “piagnisteo sulle vittime” che “penso abbia stufato tanti italiani” riferendosi ovviamente alle vittime del Covid. Ma la parole che avevano più indignato erano state quelle in cui Fraschini sosteneva che “per salvare poche migliaia di vecchietti stiamo rovinando la vita a un sacco di giovani”, ineggiando alla selezione naturale di Darwin. Fraschini aveva cercato di mettere una pezza scusandosi in un altro post dove parlava di “strumentalizzazione” e di “frasi estrapolate dal contesto”, dichiarando inoltre “vicinanza agli anziani”. Ma forse ciò non è bastato e ieri sera sono arrivate le dimissioni.

LEGGI ANCHE

“Per salvare pochi vecchietti si rovina la vita ai giovani”: è (ancora) bufera sul consigliere Fraschini

TI POTREBBE INTERESSARE

Arriva il balsamo igienizzante per labbra: baci consentiti anche in tempo di Covid

A Pavia il taxi si prende con il contributo del Comune, come funziona e chi può presentare domanda

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli