Al semaforo

Violento impatto nel Pavese, 26enne si schianta contro ambulanza

Il mezzo di soccorso stava attraversando l'incrocio con le sirene spiegate quando si è verificato lo scontro

Violento impatto nel Pavese, 26enne si schianta contro ambulanza
Pubblicato:
Aggiornato:

Per fortuna, al momento dell'incidente, l'ambulanza non stava trasportando alcun paziente ma era in viaggio con urgenza.

Certosa di Pavia, scontro tra auto e ambulanza

Nella serata di domenica 11 febbraio, un violento incidente si è verificato sulla ex Statale 35 a Certosa di Pavia. L'impatto è stato provocato dallo scontro tra un'ambulanza con le sirene a tutto volume e una Fiat 500. Secondo le prime ricostruzioni, l’automobilista sembra non essersi accorto dell'arrivo imminente del mezzo di soccorso.

L'ambulanza, infatti, stava attraversando un incrocio con il semaforo rosso in risposta a una chiamata urgente proveniente dalla centrale operativa di Areu. La collisione ha generato una violenta dinamica richiedendo l'intervento immediato dei soccorsi. In codice rosso sono giunte sul luogo dell'incidente altre due ambulanze e un'auto medica equipaggiata con un rianimatore.

Cinque feriti in ospedale

Fortunatamente, nonostante la gravità dell'evento, le conseguenze non sono state tragiche. Tuttavia, cinque persone sono rimaste ferite nell'incidente e trasportate al Policlinico San Matteo di Pavia. Tra i feriti l'automobilista 26enne e i membri dell'equipaggio dell'ambulanza.

Il policlinico San Matteo di Pavia
Il policlinico San Matteo di Pavia

Gli operatori sanitari, due donne di 43 e 51 anni e due uomini di 62 e 63 anni, hanno riportato varie contusioni durante l'urto. Per fortuna, al momento dell'incidente, l'ambulanza non stava trasportando alcun paziente ma era in viaggio con urgenza per rispondere a un'altra richiesta di soccorso.

L'arrivo dei carabinieri sull'incrocio semaforico di Certosa ha consentito di avviare le procedure di ricostruzione della dinamica al fine di determinare le responsabilità dell'incidente.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali