GROPELLO CAIROLI

Vigile 22enne ucciso da colpo di pistola: la fidanzata indagata per omicidio colposo

Secondo il racconto della 19enne lo sparo sarebbe stato accidentale

Vigile 22enne ucciso da colpo di pistola: la fidanzata indagata per omicidio colposo
Pubblicato:

Proseguono le indagini in merito alla morte di Christian Rovida, il vigile urbano di 22 anni, ferito a morte da un colpo di pistola sparato dalla sua fidanzata 19enne che ora è indagata per omicidio colposo.

Vigile ucciso da colpo di pistola

Stanno lentamente emergendo maggiori dettagli in merito alla tragica morte di Christian Rovida, un giovane agente della polizia locale di Mortara. Il ragazzo di 22 anni è stato ucciso da un colpo di pistola in pieno petto. Il dramma si è verificato nel pomeriggio di venerdì 17 maggio 2024, nella villetta dove il giovane risiedeva con i genitori, situata in via Nuvolari a Gropello Cairoli.

Fidanzata indagata per omicidio colposo

Il colpo che lo ha ferito a morte, è stato sparato dalla pistola d'ordinanza del 22enne, una Glock 40. La fidanzata di Rovida, una studentessa 19enne di Trivolzio, è attualmente indagata per omicidio colposo. Secondo il suo racconto, reso durante un interrogatorio con il sostituto procuratore della Repubblica di Pavia, Chiara Giuiusa, lo sparo sarebbe stato accidentale. La giovane, tra le lacrime, ha continuano a ripetere che lei e il suo fidanzato stavano solo giocando, convinti che la pistola fosse scarica.

Nel momento del tragico incidente, i due giovani si trovavano nella camera di Christian. Dopo aver terminato il suo turno di servizio nel primo pomeriggio, Rovida era rientrato a casa. I genitori del ragazzo, sentito lo sparo, si sono precipitati al piano superiore e hanno trovato il figlio in condizioni gravissime. 

Inutili i soccorsi

Rovida, che aveva iniziato a lavorare presso il comando di Mortara nell'estate dopo un'esperienza come guardia giurata, è stato immediatamente trasportato al policlinico San Matteo di Pavia. Purtroppo, nonostante un intervento chirurgico d'urgenza, il giovane agente non è sopravvissuto ed è spirato la sera stessa di venerdì.

Tragica fatalità

Le indagini sono in corso per ricostruire la vicenda nei particolari, anche se per gli inquirenti sembrano non esserci dubbi che si sia trattato di una tragica fatalità.

Al termine dei rilievi e del sopralluogo effettuato dai Carabinieri presso l’abitazione del giovane, è stata posta sotto sequestro la pistola d’ordinanza, da cui sarebbe partito il colpo, e un'altra arma detenuta e regolarmente denunciata dalla vittima.

Christian Rovida era figlio unico: il padre lavora in raffineria a Sannazzaro mentre la mamma è casalinga. Diplomato all’istituto Caramuel di Vigevano, aveva una passione per la scherma e per le rievocazioni storiche medievali.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali