Tragedia nel Pavese

Chi era Christian Rovida, l'agente 22enne ucciso da un colpo di pistola mentre mostrava l'arma alla sua ragazza

Amante dello sport e della palestra, tutti conoscevano la sua grandissima passione per le armi

Chi era Christian Rovida, l'agente 22enne ucciso da un colpo di pistola mentre mostrava l'arma alla sua ragazza
Pubblicato:
Aggiornato:

Del suo lavoro amava particolarmente essere sul posto, era spesso impegnato in operazioni anti droga per beccare gli spacciatori.

Il 22enne Christian Rovida ucciso da un colpo di pistola

Continua a sconvolgere la comunità il tragico incidente avvenuto nel primo pomeriggio di ieri, venerdì 17 maggio 2024, a Gropello Cairoli, un paesino della provincia di Pavia. Christian Rovida, un agente della Polizia Locale di Mortara di soli 22 anni, è deceduto a seguito di un colpo di pistola partito accidentalmente. L’arma era stata impugnata da una 19enne, probabilmente la fidanzata con cui Rovida aveva iniziato a frequentarsi da poco.

Christian in una foto pubblicata sui social

L'incidente è avvenuto nella villetta di famiglia di Christian, situata nel quartiere di Cielo Alto alla periferia del paese. Secondo le prime ricostruzioni, di ritorno dal servizio, non aveva disarmato la pistola d’ordinanza, una Glock 40, e aveva deciso di mostrarla alla ragazza facendogliela tenere in mano. Non è ancora chiaro se effettivamente ce l'avesse lei quando è partito un colpo che ha colpito Christian al torace. La distanza era ravvicinata, il proiettile ha raggiunto il cuore del giovane agente.

Il quartiere in cui abitava:

Trasportato d'urgenza all'ospedale San Matteo di Pavia, Christian è arrivato in condizioni disperate. Nonostante gli sforzi dei medici, il ragazzo è deceduto poche ore dopo durante un intervento chirurgico. La notizia della sua morte ha lasciato il paese in uno stato di profonda costernazione e dolore. I vicini di casa, gli amici e anche la sindaca Elisa Bergamaschi hanno dichiarato che era un ragazzo d'oro.

L'abitazione in cui abitava con la famiglia

Grande appassionato di armi, praticava lo scherma

Conosciuto da tutti nel paese, aveva lavorato come guardia giurata prima di entrare recentemente nella Polizia Locale di Mortara. Ma aveva obiettivi più importanti, voleva fare carriera come poliziotto. Del suo lavoro amava particolarmente essere sul posto, era spesso impegnato in operazioni anti droga per beccare gli spacciatori.

Amante dello sport, tutti conoscevano la sua grandissima passione per le armi ed è stata proprio un'arma a togliergli la vita. Christian frequentava assiduamente le palestre e ha sempre avuto una passione per lo scherma che praticava e per le rievocazioni storiche medievali.

Christian durante una delle rievocazioni

Indagata la 19enne a cui è partito il colpo

Le indagini sull'incidente sono affidate ai Carabinieri che stanno cercando di chiarire ogni aspetto della tragedia. La giovane coinvolta, una 19enne residente non lontano da Gropello Cairoli, è in stato di shock. Gli investigatori la interrogheranno nuovamente, assistita da un avvocato, dato che è indagata per omicidio colposo.

Secondo le prime testimonianze, non sembrano emergere elementi di mistero che possano suggerire scenari diversi da quello dell'incidente. Tuttavia, la dinamica esatta dell'accaduto sarà oggetto di ulteriori accertamenti. Pare che la visita nella casa di Christian fosse prevista come un breve incontro prima di uscire insieme fino a tarda notte. I due si erano scambiati dei messaggi nella mattinata, organizzando l’incontro. Nessuno avrebbe mai pensato che sarebbe andata a finire così.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali