Scatta l'allerta

Ritorna la legionella in Lombardia, 16 casi accertati e un decesso nel Varesotto

In corso ulteriori accertamenti igienici e sanitari come prevedono i protocolli di sicurezza.

Ritorna la legionella in Lombardia, 16 casi accertati e un decesso nel Varesotto
Pavia, 05 Settembre 2020 ore 10:19

Ritorna la legionella in Lombardia: nelle ultimi ore sono 16 i casi accertati – tra cui un decesso – nel Varesotto.

Torna la legionella in Lombardia

Sono stati accertati nelle scorse ore 16 casi di legionella a Busto Arsizio, in provincia di Varese. Una delle persone coinvolte è deceduta.

“Le autorità sanitarie territoriali si sono attivate immediatamente e  hanno realizzato i prelievi e la campionatura delle acque nelle abitazioni di residenza, il controllo degli impianti idrici (acquedotto) e delle torri di raffreddamento. Le analisi di laboratorio sono in corso. In via precauzionale è stata altresì eseguita una iperclorazione dell’acqua. Sono in corso ulteriori accertamenti igienici e sanitari previsti dai protocolli di sicurezza”. A darne notizia è l’assessore al Welfare della Regione Lombardia.

I precedenti

Gli ultimi casi registrati in provincia di Pavia risalgono all’estate scorsa quando due persone furono ricoverate al San Matteo. Un altro caso si registrò nel Dicembre del 2019 in Oltrepò Pavese dove una donna di 62 anni rimase ricoverata per un mese in ospedale a Voghera e mantenuta in coma farmacologico.

La Lombardia aveva vissuto un’estate 2018 da allarme rosso in cui si erano verificati molti contagi e alcuni decessi. Teatro principale dell’epidemia erano state le province di Brescia, Cremona e Mantova. Ma l’allarme legionella aveva interessato un po’ tutte le province lombarde.

Cos’è la legionella?

Si tratta di un batterio che si diffonde in particolar modo d’estate perché si annida in zone caldo-umide come condizionatori, tubazioni ma anche piscine e zone lacustri. Fa parte delle cosiddette polmoniti atipiche. Il contagio avviene tramite inalazione del germe, ad esempio facendo la doccia o il bagno. Non si trasmette da persona a persona, attraverso gli alimenti o bevendo l’acqua. I sintomi sono molto variabili per intensità e gravità: si passa da forme che si presentano con solo una leggera tosse con febbre non elevata, a forme più gravi che coinvolgono anche diversi organi interni.

Le raccomandazioni di Ats

L’Ats di Milano raccomanda alcune prassi di buona manutenzione degli impianti idrico-sanitari che dovrebbero essere costantemente attuate:

  • provvedere alla manutenzione dei punti di emissione di acqua del rubinetto nelle abitazioni attraverso la sostituzione dei filtri o lasciandoli a bagno con anticalcare;
  • lasciar scorrere l’acqua calda prima di utilizzarla, mantenendosi lontano dalla fonte, dopo l’apertura dei rubinetti;
  • effettuare la pulizia periodica dei serbatoi di accumulo dell’acqua

Legionella in Oltrepò: 62enne ricoverata per un mese a Voghera

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia