Fugge in Germania per evitare l’arresto: preso dopo due mesi di latitanza

Aveva abbandonato l'Italia con la moglie lasciando però il figlio in Lomellina, e così...

Fugge in Germania per evitare l’arresto: preso dopo due mesi di latitanza
Lomellina, 20 Settembre 2019 ore 12:09

Fugge in Germania con la moglie per evitare l’arresto: preso dopo due mesi di latitanza. I carabinieri lo hanno rintracciato, nel momento in cui è tornato in Italia a trovare il figlio, rimasto sul suolo nazionale.

L’ordine di carcerazione

Ieri alle ore 20, i militari della Stazione di Gropello Cairoli (PV) hanno rintracciato e tratto in arresto, dando esecuzione ad un ordine di carcerazione emesso il 26 luglio scorso dall’Ufficio UNEP del Tribunale di Pavia:

P.C., nato in Romania nel 1967, residente ad Alagna (PV), ma di fatto resosi irreperibile fuggendo in uno stato estero, coniugato, nullafacente, pregiudicato.

La condanna

Il predetto dovrà espiare una condanna di un mese di reclusione per un furto commesso a Zinasco (PV) nel 2009. Terminate le formalità procedurali l’uomo è stato condotto presso la Casa Circondariale di Pavia. All’arresto i militari sono arrivati a conclusione di una scrupolosa attività investigativa dedicata, che aveva infatti permesso di appurare che lo stesso era fuggito in Germania con la moglie lasciando il figlio in Lomellina.

Il rintraccio

Monitorando costantemente quest’ultimo, i militari sono riusciti a rintracciarlo, nel momento in cui è tornato a trovare il familiare. L’uomo era riuscito ad eludere i vari controlli sino a quel momento grazie al fatto di aver sfruttato un errore contenuto nell’ordinanza dell’Autorità Giudiziaria, dovuto all’anagrafe del Comune di Gropello, che riportava un cognome leggermente diverso. I riscontri sulle Banche Dati delle Forze di Polizia hanno invece confermato la sua vera identità.

LEGGI ANCHE>> Simula rapina per incassare l’assicurazione: denunciato

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia