Fitta rete di spaccio, arrestate due persone

L’epilogo a conclusione di una complessa attività d’indagine partita ad aprile e dopo numerosi e complessi servizi di osservazione.

Fitta rete di spaccio, arrestate due persone
Lomellina, 26 Maggio 2018 ore 12:22

Fitta rete di spaccio arrestate nella mattinata di ieri due persone di nazionalità marocchina in Italia senza fissa dimora.

Fitta rete di spaccio

Nella tarda mattinata del 25 maggio, a Sant’Angelo di Lomellina (PV), i carabinieri della Compagnia di Vigevano, in particolare delle Stazioni di Mortara, San Giorgio, Candia Lomellina, Zeme Lomellina e Sartirana Lomellina, hanno tratto in arresto in flagranza dei reati di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio in concorso e porto di armi e oggetti atti ad offendere: A.K., classe 1991, pregiudicato e N.M., classe 1998, entrambi nati in Marocco, senza fissa dimora, irregolari sul territorio nazionale e gravati da precedenti di polizia.

Le indagini partite ad aprile

Tale positivo epilogo è giunto a conclusione e coronamento di una complessa attività d’indagine partita ad aprile, che si è articolata in riscontri amministrativi a carico di alcuni clienti tossicodipendenti e in numerosi e complessi servizi di osservazione, svolti nelle campagne del Comune di Sant’Angelo, nei pressi della Strada Provinciale n.596. Grazie alle segnalazioni di alcuni residenti, infatti, i militari erano stati avvisati di un notevole e ingiustificato incremento della presenza di giovani nella sopracitata zona e in altre dei comuni di Cerniago e Nicorvo. Presenze notate quasi ogni giorno e principalmente nelle ultime ore della mattina. Per tal motivo sono iniziati gli appostamenti finalizzati ad accertare quanto accadesse.

Nuova area di spaccio

Lo spettacolo per i carabinieri operanti, anche in questo caso come per l’operazione svolta sempre dalla Compagnia carabinieri di Vigevano lo scorso aprile nelle campagne di Parona, è stato sconfortante, avendo accertato la presenza di un’ulteriore area di spaccio nella Lomellina frequentata da tantissimi giovani, che venivano giornalmente a rifornirsi di eroina, cocaina ed altre sostanze stupefacenti. Il tutto anche qui gestito da una complessa organizzazione fatta di spacciatori, pali, vedette e fiancheggiatori, molti dei quali individuati nei consumatori stessi, che si alternavano nei giorni e che consentiva di svolgere l’attività in tutta sicurezza, per evitare l’intervento delle Forze dell’Ordine.

Il blitz

Ieri è scattata l’operazione che ha visto impegnati 22 carabinieri della compagnia di Vigevano e 7 autovetture di servizio e che ha permesso di sorprendere e arrestare, nel pieno dell’attività di vendita di droga, i due spacciatori di cui sopra, e di sequestrare diverso materiale: 52 gr di eroina; 44 gr di hashish, suddiviso in 5 pezzi all’interno di un involucro di platica; 16 gr di scocaina, suddivisa in tre involucri di plastica; 1 bilancino di precisione; 1 roncola di lunghezza complessiva di cm 66, di cui 53 cm di lama; una somma contante in banconote di vario taglio per un totale di circa 450 euro; vario materiale destinato al confezionamento delle dosi e 2 telefoni cellulari.

Persona segnalata e denunciata

Nel contesto della stessa attività, è stato segnalato all’Autorità Prefettizia, come consumatore, dopo essersi approvvigionato dagli arrestati e denunciato per il reato di favoreggiamento: L.S.F., nato e residente a Mortara, classe 1988, trovato in possesso di 3 gr di hashish . Gli arrestati, espletate le formalità procedurali, sono stati trattenuti nelle camere sicurezza della Compagnia dei Carabinieri di Vigevano, in attesa del rito per direttissima disposto dalla Autorità Giudiziaria, che si svolgerà nella data odierna.

LEGGI ANCHE Detenuto aggredisce agente con un morso al volto  oppure TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE!

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia