Cronaca
Voghera

Aggressione a colpi di cocci di bottiglia, 27enne arrestato per tentato omicidio

L'indagato non si era fermato neppure dopo che la sua vittima era stramazzata a terra

Aggressione a colpi di cocci di bottiglia, 27enne arrestato per tentato omicidio
Cronaca Voghera, 09 Dicembre 2022 ore 11:30

Un 27enne domenicano è stato arrestato per tentato omicidio: aggredì a colpi di bottigliate un 36enne tunisino.

Arrestato 27enne per tentato omicidio

Nella mattinata dell’8 dicembre 2022, i Carabinieri della Compagnia di Voghera, al termine di un'attività investigativa, hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Pavia, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di un giovane dimorante a Voghera (R.E.J. 27enne domenicano), ritenuto responsabile del reato di tentato omicidio aggravato, commesso nella città iriense il 31 maggio 2022.

Colpito con colli di bottiglia

L’indagato impugnando con entrambi le mani due colli di bottiglia aveva colpito la vittima, di origine tunisina, velocemente e ripetutamente al capo, al collo, al volto, all’addome e agli arti. Non si era fermato neppure dopo che la sua vittima era caduta a terra riportando la frattura dell’avambraccio sinistro e ferite lacero contuse multiple, con l’aggravante di aver commesso il fatto per futili motivi.

Le indagini

Le indagini dei Carabinieri coordinate dalla Procura si sono intersecate con un’altra grave vicenda che aveva visto a sua volta il domenicano insieme ad un suo amico connazionale vittima di un’aggressione a Voghera nel pomeriggio del 10 giugno 2022, nei pressi del Castello Visconteo, nel pieno centro della città.

Anche in quel caso i quattro autori del fatto, avevano usato un coccio di bottiglia e sono stati arrestati il 20 ottobre 2022, dai Carabinieri della Compagnia di Voghera, al termine di un’articolata attività investigativa, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Pavia su richiesta della Procura per lesioni aggravate.

Seguici sui nostri canali