ECCELLENZE FEMMINILI

Tra le "Top Italian Women Scientists" c'è anche Rossella Nappi, responsabile della Ginecologia del San Matteo

Il club di ricercatrici che riunisce le eccellenze femminili che si contraddistinguono per l’alta produttività scientifica e l’alto numero di citazioni

Tra le "Top Italian Women Scientists" c'è anche Rossella Nappi, responsabile della Ginecologia del San Matteo
Pubblicato:
Aggiornato:

Rossella Nappi, responsabile Ostetricia e Ginecologia del San Matteo e professore di Ostetricia all'Università di Pavia, premiata tra le "Top Italian Women Scientists".

Rossella Nappi tra le "Top Italian Women Scientists"

Rossella Nappi, responsabile della SSD Ostetricia e Ginecologia 2 – PMA del Policlinico San Matteo e professore di Ostetricia e Ginecologia all’Università degli Studi di Pavia, è stata premiata tra le 98 “Top Italian Women Scientists”.

Il club di ricercatrici in campo biomedico di Fondazione Onda che riunisce le eccellenze femminili che si contraddistinguono per l’alta produttività scientifica e l’alto numero di citazioni.

Il Club

Il Club “Top Italian Women Scientists” riunisce ricercatrici che hanno dato un sostanziale contributo allo sviluppo in campo biomedico, nelle scienze cliniche e nelle neuroscienze. L’obiettivo è quello di promuovere la ricerca condotta dalle donne e avvicinare le giovani a questo mondo.

Il Club è dedicato alle scienziate italiane impegnate nella ricerca recensite nella classifica dei Top Italian Scientists (TIS) di Via-Academy, un censimento di scienziate e scienziati italiani di maggior impatto in tutto il mondo, misurato con il valore di H-index, l’indicatore che racchiude sia la produttività sia l’impatto scientifico della ricercatrice o del ricercatore, nonché la sua continuità nel tempo, e che si basa sul numero di citazioni per ogni pubblicazione.

Per il Club sono state selezionate le ricercatrici con H-index pari o superiore a 60, tra cui la professoressa Rossella Nappi.

Rossella Nappi

Chi è Rossella Nappi

Rossella Nappi, napoletana d'origine e pavese d'adozione, è Professore Ordinario di Ginecologia e Ostetricia presso l’Unità di Ostetricia, Ginecologia e Riproduzione Umana, Dipartimento di Scienze Cliniche, Chirurgiche, Diagnostiche e Pediatriche dell'Università degli Studi di Pavia. Svolge la sua attività di ginecologa, endocrinologa e sessuologa presso la UOSD Ostetricia e Ginecologia 2 - Procreazione Medicalmente Assistita, Endocrinologia Ginecologica e Menopausa ad alta Complessità, Clinica Ostetrica e Ginecologica dell'IRCCS Fondazione San Matteo di Pavia.

Ha completato la sua formazione in Italia e all'estero con un dottorato di ricerca in fisiopatologia della funzione ovarica e un postdottorato canadese in endocrinologia molecolare riproduttiva.

Mantiene tutt'ora numerosi contatti e collaborazioni con ricercatori di tutto il mondo ed è membro attivo delle più prestigiose società scientifiche nazionali ed internazionali nel campo della medicina della riproduzione. E’ attualmente il Presidente eletto della Società Internazionale della Menopausa (www.imsociety.org) ed è Membro del Comitato Esecutivo della Società Internazionale di Endocrinologia Ginecologica (www.isgesociety.com) e dell’Accademia Internazionale della Riproduzione Umana (www.humanrepacademy.org).

Fin dall'inizio della sua carriera, si occupa di alterazioni della ciclicità mestruale (amenorrea, policistosi ovarica, dismenorrea, ecc.), di sindrome premestruale e delle cefalee correlate agli eventi riproduttivi, dei sintomi e delle patologie menopausali.

Da alcuni anni, ha sviluppato un peculiare interesse nei confronti dei correlati emozionali e sessuali delle problematiche mestruali, dell'infertilità, della scelta contraccettiva e della menopausa, promuovendo educazione e formazione sul versante psiconeuroendocrino.

Impegnata da sempre sia sul fronte della clinica che su quello della ricerca, è autrice di più di 350 pubblicazioni internazionali riguardanti la fisiopatologia e la psicobiologia della riproduzione. E’ stata inclusa nel club delle TIWS-Top Italian Women Scientists per l’impatto scientifico dei suoi studi sulla salute della donna (HF Google Scholar: 74; più di 18000 citazioni).

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali