19esima tappa

Giro d’Italia 2020: corridori protestano causa maltempo. Tappa ridotta e nuova ripartenza

Deve ancora essere ufficializzato il nuovo punto di ripartenza della gara.

Giro d’Italia 2020: corridori protestano causa maltempo. Tappa ridotta e nuova ripartenza
Pavia, 23 Ottobre 2020 ore 12:08

Giro d’Italia 2020: maltempo e proteste, si accorcia la tappa Morbegno Asti che avrebbe dovuto costeggiare il lago di Como fino alla città e proseguire verso Milano.

AGGIORNAMENTO ORE 12.48: è ufficiale la corsa ripartirà da Abbiategrasso.

Giro d’Italia 2020: corridori protestano causa maltempo

La 19esima tappa del Giro d’Italia, quella che doveva essere la frazione più lunga della Corsa Rosa (253 km), verrà ricordata anche per la protesta dei corridori, che hanno chiesto ed ottenuto una riduzione del chilometraggio, causa le avverse condizioni meteo. Dopo una trattativa tra corridori e direzione gara si è deciso di accorciare i primi 100 chilometri che verranno percorsi dalle squadre in pullman.

Nuova ripartenza

Successivamente verrà stabilita una nuova ripartenza il cui punto di inizio non è stato ancora ufficializzato. Una prima ipotesi comprendeva il lungolago di Como ma né dal Comune né da Rcs c’è stata ancora alcuna comunicazione ufficiale. E’ possibile invece che la carovana arrivi fino a Vigevano per una tappa ancora più corta con partenza da lì.

 

Giro d’Italia 2020: tappa in Lomellina

In occasione della 19esima tappa del Giro d’Italia 2020 “Morbegno – Asti” di 253 chilometri, che si svolgerà, venerdì 23 ottobre 2020, il territorio della provincia di Pavia sarà interessato dal passaggio della “corsa rosa”.

In particolare, i corridori transiteranno sulle SS.PP n. 494, 596, 596dir, 21, 87, attraversando i comuni di Vigevano, Parona, Castello d’Agogna, Zeme, Cozzo, Candia Lomellina e Langosco. Il passaggio dovrebbe avvenire, a seconda della media orario che terranno i ciclisti, tra le 13,35 e le ore 14,40 circa.

Circolazione sospesa

Lo scorso 19 ottobre si è svolta, in videoconferenza, un’apposita riunione del Comitato Operativo Viabilità, cui hanno preso parte i rappresentanti delle Forze dell’Ordine, della Provincia di Pavia, dei Vigili del Fuoco, delle Polizie Locali dei comuni interessati e della Croce Rossa Italiana.

Nel corso della videoconferenza sono stati esaminati gli aspetti viabilistici legati al passaggio della corsa, al fine di acquisire gli elementi necessari all’adozione del provvedimento di sospensione della circolazione sulle strade attraversate dalla corsa, nonchè per individuare delle soluzioni di viabilità alternativa a beneficio degli utenti della strada.

La Prefettura di Pavia ha adottato l’ordinanza che dispone la sospensione della circolazione sulle strade interessate, a partire da 90 minuti prima rispetto all’orario previsto di transito dei concorrenti.

Sarà cura dell’organizzazione della manifestazione RCS Sport, predisporre la segnaletica in corrispondenza delle intersezioni stradali sul percorso di gara, in modo che tutti gli utenti della strada siano avvisati dell’interruzione della circolazione.

Le Forze dell’Ordine e le Polizie Locali provvederanno all’intensificazione della vigilanza e alla tutela delle strade attraversate dalla “carovana rosa”, verificando il rispetto delle prescrizioni imposte dall’ordinanza prefettizia e assicurando che la competizione si svolga nella massima sicurezza per gli atleti, limitando l’impatto sulla viabilità ordinaria.

La tappa Lomellina

La 19esima tappa, con i suoi 253 km, è la più lunga di questa edizione. Si parte costeggiando il Lago di Como dal lato occidentale per poi attraversare la Pianura Padana fino alle ondulazioni dell’Alessandrino. Arrivo adatto ad una volata di gruppo (se non arriva la fuga). Un percorso lineare e quasi tutto pianeggiante. In provincia di Pavia si toccheranno i Comuni di Vigevano, Parona, Castello d’Agogna, Zeme, Cozzo, Candia Lomellina e Langosco.

LEGGI ANCHE: Doping al Giro d’Italia, positivo un ciclista lecchese

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia