politica

Ciocca (Lega): “L’IVA sull’asporto al 22% invece che al 10%. Il Governo continua a fare cassa sui ristoratori!”

"E' il governo stesso a impedire ai ristoratori con regole assurde di riaprire le loro attività".

Ciocca (Lega): “L’IVA sull’asporto al 22% invece che al 10%. Il Governo continua a fare cassa sui ristoratori!”
Pavia, 18 Maggio 2020 ore 18:32

L’IVA al 22% sull’asporto invece che al 10%. Il Governo continua a fare cassa sui ristoratori!” Ad affermarlo l’eurodeputato leghista, Angelo Ciocca.

Ciocca (Lega): “L’IVA sull’asporto al 22% invece che al 10%”

“Oggi si continua ad applicare all’asporto dai ristoranti, fermi a causa delle pandemia, l’IVA fino al 22%, un paradosso se pensiamo che è il governo stesso a impedire ai ristoratori con regole assurde di riaprire le loro attività, che sarebbero invece soggettati all’IVA del 10%.

E mentre molti ristoratori sono fermi e non sanno se riusciranno mai a riaprire, lo Stato guadagna il 12% in più di IVA su ogni vendita.

A distanza di mesi, mi rammarica constatare che, dopo aver dovuto lottare contro la burocrazia per ricevere i 600 euro mensili, i ristoratori si trovino ora sottoposti anche ad un’ulteriore presa in giro quando, l’intera classe produttiva ci chiede poche cose per ripartire: liquidità, regole semplici e meno burocrazia. Sembra quasi che questo governo giochi ad allungare i tempi di chiusura.”

Con queste parole l’eurodeputato leghista, Angelo Ciocca, commenta le misure adottate dal governo per l’espletamento della fase 2.

TORNA ALLA HOME

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia