Cosa fare a Pavia e provincia: gli eventi del weekend (21 22 dicembre 2019)

Ecco i nostri consueti consigli per il fine settimana in arrivo, con un occhio anche alla Vigilia e a Natale...

Cosa fare a Pavia e provincia: gli eventi del weekend (21 22 dicembre 2019)
Pavia, 20 Dicembre 2019 ore 17:40

Cosa fare a Pavia e provincia nel weekend di Natale e delle Feste per eccellenza? Di seguito potrete trovare i nostri consigli per le giornate di sabato 21 e domenica 22 dicembre 2019, con uno sguardo anche sulla Vigilia e il giorno di Natale.

Gli eventi del weekend a Pavia

Pavia. Fino al 31 gennaio 2020. Luoghi Vari. … è di ‘Nuovo’ Natale. Luci, colori e  musica accompagneranno cittadini e visitatori di Pavia durante le prossime festività natalizie. In piazza della Vittoria una magica atmosfera accoglierà grandi e piccini con la pista del ghiaccio, la giostra di cavalli e luci cui si aggiungono le musiche di sottofondo nelle serate del 21 e 24 dicembre. Lungo una Allea appositamente illuminata, il mercato dell’artigianato di Asperta proporrà le sue creazioni sino a fine dicembre. Il Ponte Coperto sarà il palcoscenico di giochi di luce divenendo il protagonista di queste festività. Arriva anche nei quartieri il simbolo di Natale. E per finire il 31 dicembre il Dj set da Palazzo del Broletto ci introdurrà nel nuovo anno.

– Pavia. Dal 20 dicembre al 6 gennaio 2020. Castello Visconteo, ingresso da viale XI Febbraio. Petit Cabaret 1924.  Quando arriverete al nostro tendone installato presso il Giardini del Castello Visconteo vi sentirete benvenuti perché il Petit Cabaret 1924 è più di uno spettacolo. Questa è la vostra serata, chiunque voi siate: sarà uno degli artisti ad accogliervi alla soglia, per condurvi al posto contrassegnato con il vostro nome ed offrirvi un flûte di spumante da sorseggiare in buona compagnia, allietati da melodie jazz, swing e charleston, in attesa del grande inizio. Vi troverete contornati da vecchi cimeli e tavolini in ferro battuto e brinderete al chiarore di un lumino, in un ambiente raffinato e familiare. Un’atmosfera magica, ispirata al buon gusto dei bistrot parigini degli anni ’20, costituisce la scenografia per un susseguirsi di sorprese, trasmesse da talentuosi interpreti diplomati presso le migliori accademie di danza e circo contemporaneo in Europa: giocolieri, ballerini, equilibristi, maghi e acrobati che utilizzano il linguaggio del corpo per creare un’esperienza emozionale coinvolgente, e spiritualmente rigenerante, che scaturisce da anni di pratica e dedizione genuina alle arti performative. Alla fine dello spettacolo gli artisti si riuniranno sulla pista per recitare la “Preghiera del Clown” del grande Totò, una pagina di ispirazione assoluta, scritta da un maestro d’arte e di umanità. Rimarrete sorpresi dall’abilità tecnica, quanto dalla rara poesia delle performances individuali e di gruppo che si avvicendano in un clima sereno, leggero, a tratti scanzonato, che nello stesso istante può strapparvi una lacrima e un sorriso. Dodici opportunità per vivere questo viaggio in nostra compagnia, dodici serate imperdibili per chi, d’animo sensibile, ama il bello, il giusto e il ben fatto.

Pavia. Fino al 29 marzo 2020. Castello Visconteo. Oltre lo sguardo. Antonello da Messina a Pavia.Dopo un anno, Il Ritratto d’uomo Malaspina di Antonello da Messina torna a Pavia, al Castello Visconteo. L’opera-icona dei Musei Civici pavesi rientra accompagnata da un altro grande capolavoro del Maestro messinese: Il Ritratto d’uomo – che Vincenzo Consolo trasformò, in chiave letteraria, nell’Ignoto Marinaio –  del Museo della Fondazione Mandralisca di Cefalù. L’esposizione del Castello Visconteo si intitola “Oltre lo sguardo. Volti e ritratti nella pittura italiana tra Quattro e Cinquecento. Antonello da Messina a Pavia”. «La mostra – illustra l’assessore alla Cultura del Comune di Pavia, Mariangela Singali Calisti – intende evidenziare un importante percorso attorno all’evoluzione del ritratto nell’epoca tra Quattrocento e Cinquecento, affrontato dal professor Carlo Giovanni Federico Villa già curatore della grande mostra dedicata al messinese a Palazzo Reale di Milano. Da semplice ritrattistica, quale era fino a quel momento, a espressione introspettiva dell’animo umano”. PER MAGGIORI INFO, ORARI E COSTO BIGLIETTI CLICCA QUI

Pavia. Fino al 29 marzo 2020. Looking for Monna Lisa. Una mostra diffusa e immersiva, a cura di Valerio Dehò, in scena nelle più importanti sedi dedicate all’arte di Pavia, che celebra il quinto centenario della morte di Leonardo da Vinci e approfondisce il legame del genio fiorentino con la città e indaga sui misteri e sulle leggende che riguardano la celebre figura della Monna Lisa. MAGGIORI INFO>> “Looking for Monna Lisa”: misteri e ironie attorno alla più celebre icona pop

– Pavia. Cinema Politeama. Sabato 21 dicembre, ore 16:00-18:30-21:00. Domenica 22 dicembre, ore 15:30-18:00-20:30. Martedì 24 dicembre, ore 18:30-21:00. Mercoledì 25 dicembre, ore 18:30-21:00  La dea fortuna. GENERE: Commedia REGIA: Ferzan Ozpetek ATTORI: Edoardo Leo, Stefano Accorsi, Jasmine Trinca, Serra Yilmaz, Cristian Di Sante PAESE: ITALIA 2019 Arturo (Stefano Accorsi) e Alessandro (Edoardo Leo) sono una coppia da più di quindici anni. Nonostante la passione e l’amore si siano trasformati in un affetto importante, la loro relazione è in crisi da tempo. L’improvviso arrivo nelle loro vite di due bambini lasciatigli in custodia per qualche giorno da Annamaria (Jasmine Trinca), la migliore amica di Alessandro, potrebbe però dare un’insperata svolta alla loro stanca routine. La soluzione sarà un gesto folle. Ma d’altronde l’amore è uno stato di piacevole follia.

 

Pavia. Fino al 22 dicembre. Palazzo Broletto. Ore 16.30. Canti e storie nel bosco incantato. Per il periodo dell’Avvento, il Comune di Pavia propone un calendario di appuntamenti nel Cortile di Palazzo Broletto che per l’occasione si trasforma in un bosco incantato. Sei pomeriggi di racconti, fiabe e canti che ci condurranno nei mondi della fantasia e dell’immaginazione, per non dimenticare mai che le storie ben raccontate ci riportano alle meraviglie del tempo passato, ci mostrano la poesia del presente e ci fanno sognare le avventure del futuro. Per i più piccoli e per chi non lo è più, per chi non vede l’ora di diventare grande e per chi desidera tornare bambino, per chi ancora crede nelle storie e nell’immaginazione, per chi ama le fiabe e vuole sentirne ancora. Ingresso libero fino a esaurimento posti, in caso di maltempo gli eventi si terranno in forma ridotta. Sabato 21 dicembre. CANTI DI NATALE. Corale Giuseppe Verdi di Pavia al pianoforte il maestro Carlo Roman. Domenica 22 dicembre. UN ANNO PIENO DI COSE DA FARE delle Ali Teatro. Una storia di amicizia con Alessandra Anzaghi e Giancarlo Locatelli (clarinetti) Due topini, Willie e Winnie, e Woody, una pianta, diventano grandi amici. Di mese in mese, di stagione in stagione, Woody cambia, si trasforma e i due amici saranno lì con lei. E, dopo un anno pieno di cose da fare, arriva finalmente Natale… “Che cosa regaleremo a Woody per Natale?” “Lei merita il meglio. Le regalerò un bel pezzo di formaggio.” “Formaggio? Gli alberi non mangiano il formaggio.” “Lo so. Ma è il pensiero che conta.”

Pavia. Fino al 29 febbraio 2020. Museo di Archeologia dell’Università di Pavia. Tomoko Nagao L’arte di Tomoko è nota per la contaminazione di passato e presente e per la singolare rivisitazione dei capolavori dell’arte occidentale in chiave Pop. L’artista giapponese si appropria delle icone e dei miti popolari della storia dell’ arte rivisitandoli, con gusto tra l’ironia e la satira, nel linguaggio tipico delle Anime e dei fumetti: da Caravaggio a Leonardo da Vinci, da Botticelli a Tiziano, a Velasquez, dalla scuola di Fontainebleau a Delacroix. LEGGI DI PIU’ >> “Leonardo reimagined”: l’artista Tomoko Nagao rivisita Leonardo da Vinci

Tomoko Nagao, Gioconda, 2019, olio su tela, 120 x 80 cm

Pavia. Fino al 22 dicembre 2019 Visite guidate ai musei civici. Il Comune di Pavia – Settore Cultura, Istruzione e Politiche Giovanili in collaborazione con Dedalo, Oltre Confine e Progetti propone per l’autunno 2019 una serie di visite guidate alle collezioni dei Musei Civici del Castello Visconteo. Torna inoltre, tutti i sabati del mese di ottobre alle ore 15.00, la possibilità di approfondire la storia del Castello Visconteo, attraverso un percorso che prevede la visita delle sale più significative, per culminare poi con la salita alla torre sud-est, fino a un’altezza di 47 metri, per ammirare la città dall’alto. 

In provincia di Pavia

Broni. Tutti i sabato e domeniche di dicembre. Area delle ex Scuole di via Emilia. Villaggio di Babbo Natale. anche Broni ha infatti il suo Villaggio di Babbo Natale, dotato di tutti i “reparti” di produzione e smistamento dei doni, oltre che degli ambienti per il soggiorno di ogni abitante. Tre casette di legno illuminate e decorate anticipano ai visitatori le atmosfere degli spazi interni, cui si accede da un ingresso addobbato con dolcetti e bastoncini di zucchero giganti. Grandi e piccini possono poi esplorare il magazzino, i laboratori, la falegnameria, la suggestiva “stanza del ghiaccio”, oltre alla camera di Babbo Natale e alla sua attrezzatissima cucina. Non mancano poi la stalla per le Renne, insostituibili compagne di viaggio del signor Claus, e il “bosco incantato”, popolato da simpatici animaletti e alberi viventi. Nel cortile a destra delle ex Scuole, inoltre, il Presepe con le sagome della Sacra Famiglia completa un percorso pensato per affascinare e sorprendere, anche grazie ai coinvolgenti giochi di luce e alla musica a tema. LEGGI DI PIU’ QUI

3 foto Sfoglia la gallery

Salice Terme. Domenica 22 dicembre. Via delle Terme. Mercatino Natalizio. Presso il centro storico bancarelle di artigianato etnico ed artistico, collezionismo, hand made, ingegno a carattere creativo, collezionismo, modernariato, hobbisti, prodotti tipici alimentari e prodotti biologici naturali.

Vigevano. Mese di Dicembre. Strada sotterranea Castello di Vigevano. Presepi in castello. Anche quest’anno torna nel periodo natalizio la mostra dal titolo “Presepi in Castello”, organizzata dal gruppo “Pazzi per il Presepe”, giunta quest’anno alla sua quinta edizione (la prima fu organizzata per festeggiare i 50 anni della parrocchia Gesù Divin Lavoratore di Vigevano, conosciuta anche come Battù). Il gruppo opera e si avvale della collaborazione di maestri presepisti provenienti da Ponte San Pietro – BG – ed ogni anno allestisce una mostra sempre rinnovata nei pezzi per stile, tecnica di costruzione, dimensioni ecc., riscuotendo sempre più il consenso dei visitatori e sfiorando ormai le 15.000 presenze all’anno. L’invito è quello di recarsi alla mostra per scoprire le opere di quest’anno; saranno una ventina di presepi, li accomuna la stessa tecnica di costruzione, ovvero polistirolo/polistirene ricoperti di gesso scagliola ed inciso a mano, si potranno ammirare presepi quasi tutti “aperti” di notevoli dimensioni ed anche 4 diorami. La mostra si troverà, come sempre, nella splendida cornice del castello di Vigevano in strada sotterranea, ingresso dal portone di Via XX settembre o direttamente dal Castello, percorrendo la strada coperta. L’inaugurazione è fissata per domenica 1 dicembre alle ore 16:00, la mostra rimarrà aperta fino a domenica 12 gennaio 2020; l’ingresso è gratuito con possibilità di lasciare un’offerta per beneficenza, gli orari e date di apertura sono i seguenti:
• Dal 20 dicembre al 6 gennaio
– tutti i giorni dalle 14:30 alle 19:00;
– sabato e festivi dalle 10:00 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 19:00;
• Natale e Capodanno: dalle 15:00 alle 19:00;
• 11 e 12 gennaio: dalle 10:00 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 19:00.

Zavattarello. Dal 24 al 26 dicembre. Presepe Vivente. Il Presepe Vivente di Zavattarello celebra il Natale con una rappresentazione speciale, nella cornice del borgo medievale “Su di Dentro”. Il primo evento del suo genere in provincia di Pavia, dal 2001 è un appuntamento fisso della sera della Vigilia di Natale e del pomeriggio di S. Stefano. Rievochiamo la nascita di Gesù omaggiandolo con la ricostruzione della vita della nostra valle com’era un tempo: all’interno delle case del Duecento, lungo le vie medievali, con gli attrezzi antichi ancora funzionanti del Museo “Magazzino dei Ricordi”, torneremo insieme a rivivere il nostro passato. Caratteristica peculiare di questa rappresentazione è l’animazione, che consente una partecipazione attiva dei visitatori. Qui i visitatori possono sentirsi davvero parte di questo mondo antico: chiunque può mangiare il pane appena sfornato, bere il vino novello, toccare la lana filata e il mantello delle pecore custodite nei recinti… ORARI: 24 dicembre dalle ore 21.30 (a seguire S. Messa con i figuranti in costume); 26 dicembre dalle ore 17.00.

 

Per le vostre segnalazioni scrivete a redazione@primapavia.it, oggetto “eventi weekend”. Ricordiamo che gli eventi possono essere pubblicati direttamente anche sul nostro gruppo Facebook Pavia e Provincia Eventi & News

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve