Cosa fare a Pavia e provincia: gli eventi del weekend (18 19 gennaio 2020)

I nostri consueti consigli per il fine settimana in arrivo.

Cosa fare a Pavia e provincia: gli eventi del weekend (18 19 gennaio 2020)
Pavia, 17 Gennaio 2020 ore 12:26

Tanti gli appuntamenti per questo fine settimana in arrivo a Pavia e provincia. Ecco i nostri consueti consigli per sabato 18 e domenica 19 gennaio 2020.

Gli eventi del weekend a Pavia

– Pavia. Domenica 19 gennaio. Ore 15.30 – 17. Broletto. Sala Conferenze. Piazza della Vittoria. La Storia organaria di Pavia. La città di Pavia e la Provincia custodiscono una vasto catalogo di organi storici, frutto, oltre che dell’opera immensa dei pavesi Lingiardi ed Amati, di numerosissimi altri costruttori provenienti da altre province lombarde e dal Piemonte. Partendo dai documenti prodotti in occasione dalle prime due campagne di catalogazione bandite dalla Provincia di Pavia (2001 e 2002), da ricerche personali nonché dagli esiti di esperienze lavorative sul territorio, l’organaro pavese Alessandro Venchi condurrà l’incontro offrendo una ricognizione dei principali organi storici conservati in Pavia e Provincia, stimolando l’attenzione del pubblico anche attraverso l’ausilio di supporti multimediali come i documenti audio che testimoniano lo stato di conservazione degli strumenti stessi. La riscoperta degli organi del territorio è solo all’inizio. Info: Associazione Musicale Lingiardi – E-mail: simoquaro@gmail.com

– Pavia.  Sabato 18 gennaio, dalle 14.30 alle 19.30. Atelier di pittura L’Urlo. Via Basilica, 9. Open day di disegno e pitturaCorso di disegno base pittura “L’URLO” PER BAMBINI ADULTI E ADOLESCENTI. Iscrizioni sempre aperte 2020/2021. La pittrice Insegnante Antonietta Orsi è lieta di invitarvi nel suo Atelier per una lezione prova gratuita. La prova consiste in un disegno dal vero, con matite, carboncino e altri materiale per il disegno base, dura circa due ore. Se non riesci a venire nell’orario indicato chiama per accordarti con l’insegnante troverete sempre una soluzione per la prova gratuita. L’entrata è libera, per organizzare al meglio la lezione prova è gradita una prenotazione. Per info: Antonietta Orsi Cell. 347 523 9849 Mail: orsi.antonietta@libero.it  – Sito: www.orsiantonietta.it

– Pavia. Cinema Politeama. Corso Strada Nuova 136. Sabato 18 gennaio, ore 16:00-18:30-21:00. Domenica 19 gennaio, ore 15:30-18:00-20:30.  Hammamet. REGIA: Gianni Amelio. ANNO: 2020. PAESE DI PRODUZIONE: Italia. DURATA: 126′. SCENEGGIATURA: Gianni Amelio e Alberto Taraglio. ATTORI: Pierfrancesco Favino, Livia Rossi, Luca Filippi, Silvia Cohen, Omero Antonutti, Renato Carpentieri, Giuseppe Cederna, Claudia Gerini.

Pierfrancesco Favino è Bettino Craxi nel nuovo film di Gianni Amelio. Gli ultimi sei mesi di vita del politico italiano. La discesa crepuscolare di un uomo dominato da pulsioni contrapposte. Un Craxi più vero del vero grazie a un gigantesco Favino. Hammamet, fine del secolo scorso. Il Presidente ha lasciato l’Italia, condannato per corruzione e finanziamento illecito con sentenza passata in giudicato. Accanto a lui ci sono moglie e figlia, mentre il secondogenito è in Italia a “combattere” per riabilitarne l’immagine e gestirne l’eredità politica. Nel suo “esilio volontario” lo raggiungono in pochi: Fausto, il figlio dell’ex compagno di partito Vincenzo, suicida dopo essere stato inquisito dal giudice, e un ospite suo “avversario, mai nemico”. Sono gli ultimi giorni di una parabola umana e politica che vedrà il Presidente dibattersi tra malattia, solitudine e rancore: e la sua ultima testimonianza è affidata alle riprese di Fausto che nello zaino, oltre alla telecamera, nasconde una pistola.

– Pavia. Domenica 19 gennaio ore 15.30. Teatro Fraschini. Corso Strada Nuova, 136. Guglielmo Tell. Si chiude la Stagione d’Opera con Guglielmo Tell, il testamento lirico di Rossini, messo in scena per la prima volta da OperaLombardia. Rossini scelse come soggetto il Wilhelm Tell di Friedrich Schiller, opera epica che narra la liberazione del popolo svizzero dalla dominazione austriaca, guidata da Tell. Composta in pochi mesi, il Tell è caratterizzato dall’elemento idilliaco-pastorale che si intreccia all’azione storico-drammatica. Opera in quattro atti che debutta in lingua francese a Parigi nel 1829 poi a Lucca, nella versione italiana, nel 1831. Regista Arnaud Bernard, francese, con una intensa attività registica. Direttore Jacopo Brusa, musicista pavese, diplomato al Conservatorio Verdi di Milano. Il cast è formato dai vincitori del Concorso AsLiCo per giovani cantanti lirici, al fianco di cantanti professionisti quali Gezim Myshketa, Giulio Pelligra e Matteo Falcier. Coro OperaLombardia. Orchestra I Pomeriggi Musicali. Prezzo ingresso: da euro 56 a euro 14. Info: 0382.3711, E-mail: biglietteria@teatrofraschini.org

Pavia. Fino al 29 marzo 2020. Castello Visconteo. Oltre lo sguardo. Antonello da Messina a Pavia.Dopo un anno, Il Ritratto d’uomo Malaspina di Antonello da Messina torna a Pavia, al Castello Visconteo. L’opera-icona dei Musei Civici pavesi rientra accompagnata da un altro grande capolavoro del Maestro messinese: Il Ritratto d’uomo – che Vincenzo Consolo trasformò, in chiave letteraria, nell’Ignoto Marinaio –  del Museo della Fondazione Mandralisca di Cefalù. L’esposizione del Castello Visconteo si intitola “Oltre lo sguardo. Volti e ritratti nella pittura italiana tra Quattro e Cinquecento. Antonello da Messina a Pavia”. «La mostra – illustra l’assessore alla Cultura del Comune di Pavia, Mariangela Singali Calisti – intende evidenziare un importante percorso attorno all’evoluzione del ritratto nell’epoca tra Quattrocento e Cinquecento, affrontato dal professor Carlo Giovanni Federico Villa già curatore della grande mostra dedicata al messinese a Palazzo Reale di Milano. Da semplice ritrattistica, quale era fino a quel momento, a espressione introspettiva dell’animo umano”. PER MAGGIORI INFO, ORARI E COSTO BIGLIETTI CLICCA QUI

Pavia. Fino al 29 marzo 2020. Looking for Monna Lisa. Una mostra diffusa e immersiva, a cura di Valerio Dehò, in scena nelle più importanti sedi dedicate all’arte di Pavia, che celebra il quinto centenario della morte di Leonardo da Vinci e approfondisce il legame del genio fiorentino con la città e indaga sui misteri e sulle leggende che riguardano la celebre figura della Monna Lisa. MAGGIORI INFO>> “Looking for Monna Lisa”: misteri e ironie attorno alla più celebre icona pop

Pavia. Fino al 29 febbraio 2020. Museo di Archeologia dell’Università di Pavia. Tomoko Nagao L’arte di Tomoko è nota per la contaminazione di passato e presente e per la singolare rivisitazione dei capolavori dell’arte occidentale in chiave Pop. L’artista giapponese si appropria delle icone e dei miti popolari della storia dell’ arte rivisitandoli, con gusto tra l’ironia e la satira, nel linguaggio tipico delle Anime e dei fumetti: da Caravaggio a Leonardo da Vinci, da Botticelli a Tiziano, a Velasquez, dalla scuola di Fontainebleau a Delacroix. LEGGI DI PIU’ >> “Leonardo reimagined”: l’artista Tomoko Nagao rivisita Leonardo da Vinci

Tomoko Nagao, Gioconda, 2019, olio su tela, 120 x 80 cm

In provincia

Broni. Da sabato 18 gennaio fino a domenica 16 febbraio 2020. Piazza Garibaldi. Pista di pattinaggio su ghiaccio. Inaugurazione sabato 18 gennaio alle 16. Poi la struttura resterà aperta dal lunedì al giovedì dalle 15 alle 20, il venerdì negli stessi orari e ancora dalle 21 alle 23, il sabato e la domenica, oltre al pomeriggio e alla sera, anche la mattina dalle 10 alle 12. MAGGIORI INFO QUI

Casorate Primo. Domenica 19 gennaio. Festa di Sant’Antonio Abate. Battesimo della sella per i bambini, il tradizionale Aperitiv Dal Gnimal, degustazioni di prodotti tipici, la benedizione degli animali e l’accensione del falò.

Ponte Nizza. Domenica 19 gennaio. Eremo di S. Alberto di Butrio. Camminata sulle vie dei Malaspina. Passeggiata al castello malaspiniano di Oramala, in occasione della Festa di Sant’Antonio Abate all’Eremo medievale di Sant’Alberto di Butrio in Oltrepò Pavese. La festa di Sant’Antonio Abate viene festeggiata ogni anno con un pittoresco rito pomeridiano di benedizione degli animali e di distribuzione di zuppa di castagne, organizzato dai monaci in collaborazione ad alcuni produttori della zona e Auramala Project, associazione culturale italo inglese nata per trovare fondamenti storici alla leggenda popolare secondo cui l’eremo custodisce la tomba del re plantageneto Edoardo II. Per la mattinata di questa giornata di festa l’associazione ricreativa culturale Calyx propone una rilassante passeggiata alla rocca di Oramala, castello avito dei marchesi Malaspina ai quali si deve la costruzione del primo nucleo dell’abbazia di Butrio. Il percorso pianeggiante si sviluppa sull’antica mulattiera, ora asfaltata, che collegava l’abbazia alla rocca utilizzando i crinali boscosi tra la Valle Staffora e la Valle Nizza. In assenza di fogliame, l’itinerario si presenta in tutta la sua spettacolarità, offrendo vedute sulle colline circostanti e su altri castelli della zona con cui la rocca di Oramala comunicava visivamente. Lungo l’itinerario sarà anche possibile osservare la tipica composizione dei boschi della zona, caratterizzati da macchie di imponenti esemplari di castagni secolari. Al ritorno all’eremo verrà proposta una visita guidata degli interni dell’abbazia, per individuare i legami del territorio con S. Antonio Abate e si potrà gustare una corroborante zuppa di castagne, tipico comfort food delle popolazioni appenniniche preparato da Piera Spalla, chef del Ristorante Selvatico e custode delle nostre ricette tradizionali. Chi lo desidera potrà poi assistere e far partecipare i propri amici a quattro zampe al rito della benedizione degli animali con il contorno delle famose mucche varzesi addobbate a festa. Note tecniche sul percorso: pianeggiante, fondo: asfalto e brevi tratti di sterrato boschivo, km. 9 circa. Per prenotazioni ed informazioni: http://calyxturismo.blogspot.com/. Ritrovo presso Eremo di S. Alberto di Butrio (Comune di Ponte Nizza) Inizio attività ore 10. Fine attività ore 15.30 circa.

2 foto Sfoglia la gallery

Vigevano. Domenica 19 gennaio. Ore 10-20. Sala Cavallerizza del Castello, Via Rocca Vecchia,1. Vivi Bene Vigevano. Fiera del Benessere 2020. All’interno della splendida cornice della Sala Cavallerizza del Castello Sforzesco si svolgerà la 4° edizione di VIVI BENE FESTIVAL benessere, uno straordinario appuntamento annuale dove sono protagonisti la cultura olistica, l’alimentazione sana e vegana, la formazione etica e tanto altro. Un salone espositivo di oltre 800 mq. ospiterà 40 stands tra commercianti di prodotti naturali, etnici, artigianali,servizi etici, ecologici, alimentazione sana , alimenti vegan, trattamenti benessere in offerta, consulti e tanto, tanto altro.. 10 eventi gratuiti si alterneranno sul palco della Cavallerizza, proponendo conferenze no-stop, con diversi relatori, saranno proposti workshop dedicati alla danza, alla meditazione, a varie attività olistiche. A conclusione della giornata, un concerto di Mantra Yoga con la bravissima HARI PRYA DEVI DASI. Ingresso gratuito. 

Per le vostre segnalazioni scrivete a redazione@primapavia.it, oggetto “eventi weekend”. Ricordiamo che gli eventi possono essere pubblicati direttamente anche sul nostro gruppo Facebook Pavia e Provincia Eventi & News

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia