In Lomellina

Violenta grandinata sulle risaie alla vigilia del raccolto: spighe “svuotate” e danni fino al 100%

E' il risultato dall’ondata di maltempo che ha colpito la Lomellina nelle scorse ore.

Violenta grandinata sulle risaie alla vigilia del raccolto: spighe “svuotate” e danni fino al 100%
Lomellina, 25 Settembre 2020 ore 11:40

Riso, grandinata in Lomellina alla vigilia del raccolto: spighe “svuotate” e danni fino al 100%. Il monitoraggio di Coldiretti Pavia.

Violenta grandinata sulle risaie alla vigilia del raccolto

Una violenta grandinata ha investito le risaie in provincia di Pavia al confine con Novara dove tutto è pronto per la raccolta del riso, causando danni fino al 100% nelle aziende agricole colpite. È quanto emerge dal monitoraggio di Coldiretti Pavia, i cui tecnici si sono subito mobilitati per stimare i problemi causati dall’ondata di maltempo che ha colpito la Lomellina nelle scorse ore. «Il raccolto è completamente distrutto – spiega Giovanni Armignago, risicoltore di Confienza – Il riso è stato buttato a terra dal vento, mentre la grandine ha svuotato le spighe dai chicchi. Non avevamo ancora iniziato a raccogliere, e ora valuteremo se farlo: da noi la grandinata ha colpito una varietà di riso Tondo, e andare a trebbiare adesso rischia di diventare antieconomico».

Danni fino al 100%

I costi della trebbiatura, infatti, supererebbero quelli di un raccolto falcidiato dal maltempo. «È veramente un peccato, perché il riso quest’anno era bello – spiega ancora l’imprenditore agricolo pavese – Per fortuna siamo assicurati, ma questa grandinata alla vigilia del raccolto proprio non ci voleva». Il maltempo si è abbattuto anche sui Comuni limitrofi. «Stiamo ancora facendo i sopralluoghi, ma dove la grandine ha colpito i danni arrivano al 100% – spiega Felice Iato, risicoltore di Palestro – Da noi è stata colpita una varietà di riso Indica ancora da raccogliere». L’ondata di maltempo ha colpito con intensità diverse, investendo il territorio a macchia di leopardo.

I cambiamenti climatici

La violenza del meteo – evidenzia Coldiretti – è il risultato dell’enorme energia termica accumulata nell’atmosfera in un anno che è stato fino adesso di oltre un grado (+1,05 gradi) superiore alla media storica, classificandosi in Italia al secondo posto tra i più bollenti dal 1800, sulla base dell’analisi Coldiretti su dati Isac Cnr relativi ai primi otto mesi dai quali si evidenzia anche la caduta di circa il 25% di pioggia in meno nonostante il moltiplicarsi di nubifragi e grandinate. Siamo di fronte – conclude la Coldiretti – alle conseguenze dei cambiamenti climatici con una tendenza alla tropicalizzazione che si manifesta con grandine di maggiori dimensioni, una più elevata frequenza di eventi violenti, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi e intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, con costi per oltre 14 miliardi di euro in un decennio, tra perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne con allagamenti, frane e smottamenti.

(Foto di copertina: immagine di archivio)

Fatto scendere dal treno perchè senza biglietto tenta di rubare una bici per proseguire il viaggio

TORNA ALLA HOME

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia