60 posti di terapia intensiva

Viaggio nell’Ospedale in Fiera dove opera Annalisa Malara, l’anestesista che scoprì il “Paziente 1” VIDEO

Nata a Cremona 38 anni fa, ha conseguito gli studi presso l'Università di Pavia.

Pavia, 16 Novembre 2020 ore 08:56

Covid, viaggio all’interno della terapia intensiva dell’Ospedale in Fiera a Milano dove, per sua scelta, opera Annalisa Malara, la dottoressa cremonese che scoprì il “Paziente 1”.

Viaggio nell’Ospedale in Fiera

Un viaggio nella terapia intensiva dell’Ospedale in Fiera accompagnati dal direttore Nino Stocchetti e dal responsabile del Modulo del Policlinico Ca’ Granda, Nicola Bottino.  L’ha compiuto ‘Lombardia Notizie’. Obiettivo: raccontare ai cittadini il grande lavoro svolto con professionalità e dedizione all’interno dell’hub milanese e mostrarne le prime immagini in esclusiva.

“Di fronte a una calamità, la strategia vincente è quella di prepararsi in anticipo: questo è il concetto che ha portato alla costruzione rapidissima dei posti letti in Fiera” afferma Stocchetti. “La nostra capacità attuale è di una sessantina di posti letto. Entro la fine della settimana prossima, dovremmo avere tra i 70 e gli 80 pazienti a regime. Questo lo interpreto come un segnale di efficienza dell’Ospedale in Fiera, ma anche come un segnale di bisogno crescente di ricovero dei malati”.

Pronti a gestire la seconda ondata

“Una degenza lunga quella dei pazienti in terapia intensiva – spiega Nicola Bottino a Lombardia Notizie – due o tre settimane sono quasi sempre necessarie. In alcune situazioni le cose si prolungano addirittura ulteriormente”.

“Noi – aggiunge Bottino – abbiamo curato il primo paziente trapiantato di polmone, insieme ai colleghi del San Raffaele, ottenendo un bel risultato, ma adesso ci attende purtroppo la seconda ondata e  dobbiamo rimboccarci di nuovo le maniche”.

Annalisa Malara: dal ‘Paziente 1’ all’Ospedale in Fiera per restituire l’aiuto ricevuto

Restituire l’aiuto preziosissimo e vitale ricevuto a marzo e aprile, quando il Lodigiano è stato il primo territorio colpito dal Covid,  è il motivo che ha spinto Annalisa Malara, il medico anestesista che ‘scoprì’ il ‘paziente 1’ Mattia Maestri, a spostarsi all’Ospedale della Fiera.

“In quel momento non saremmo riusciti con le nostre forze a curare tutte quelle persone che arrivavano a ondate in Pronto Soccorso – ha raccontato Malara a Davide Bertani che ha raccolto la sua testimonianza per Lombardia Notizie. “Sono felice di essere qui. E’ un modo bellissimo di condividere la nostra esperienza clinica con i colleghi e rendere così l’aiuto che abbiamo ricevuto nella prima fase” .

“Abbiamo avuto la possibilità, su base volontaria – aggiunge la dottoressa – di venire a dare una mano in Fiera a Milano per restituire l’aiuto preziosissimo e vitale che abbiamo ricevuto a marzo e aprile. Ho trovato colleghi ben disposti e sono felicissima di essere qui”.

Ricordando la sera de ricovero di Mattia, aggiungo: “Mi piace ricordare quella sera come un esempio di lavoro fatto con la testa e con il cuore. Abbiamo cercato, con la mia equipe, di offrire le migliori chance diagnostico-terapeutiche possibili, per questo motivo non mi sono sentita di escludere a priori la possibilità che si trattasse di Coronavirus, andando oltre le conoscenze dell’epoca e i protocolli in vigore e chiedendo comunque questo tampone che, in quel momento non era visto come necessario perché non era un paziente considerato a rischio. Cercando però di trattarlo al meglio, avendo come obiettivo primario la centralità del malato, non ho potuto esimermi dall’effettuare anche questa indagine che poi si è rivelata purtroppo positiva e ha dato inizio a quella che ormai conosciamo come una delle più grandi crisi sanitarie degli ultimi 100 anni“.

Gli studi a Pavia

Annalisa Malara, è nata a Cremona 38 anni fa, e ha conseguito gli studi all’Università di Pavia. Dopo la laurea e pochi mesi in forza all’ospedale di Vigevano, nel 2012 approda all’ospedale di Lodi e poi a Codogno. Come ormai noto, la dottoressa Malara lo scorso 20 febbraio individuò il “paziente 1”. Un’intuizione che ha segnato l’inizio dell’allarme Covid in Italia. Quell’esperienza ha deciso di raccontarla anche in un libro “In scienza e coscienza”, il cui ricavato andrà al Collegio Nuovo di Pavia, di cui è stata alunna.

LEGGI ANCHE

L’idea geniale e poetica degli studenti lombardi per umanizzare la didattica a distanza

TI POTREBBE INTERESSARE

Mascherine gratuite: a Pavia riavviata la distribuzione

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia