QUANDO TUTTO COMINCIò

Annalisa Malara, l’anestesista che ha scoperto il paziente1 ha studiato a Pavia

La sua intuizione e la sua determinazione hanno permesso di individuare il primo contagio italiano.

Annalisa Malara, l’anestesista che ha scoperto il paziente1 ha studiato a Pavia
Pavia, 09 Marzo 2020 ore 11:28

Annalisa Malara, l’anestesista cremonese che ha scoperto il paziente1, Mattia. La sua intuizione e la sua determinazione hanno permesso di individuare il primo contagio italiano e avviare le misure di sicurezza che si spera possano limitare l’epidemia. A riportarlo è primaCremona.it

Annalisa Malara, l’anestesista che ha scoperto il paziente1

Si chiama Annalisa Malara, ha 38 anni ed è di Cremona. Ma soprattutto è il medico anestesista che, a Codogno, ha capito per prima il focolaio italiano del Coronavirus, individuandolo nel paziente 1. L’idea che potesse trattarsi del virus cinese le è venuta dopo che “farmaci e cure risultavano inefficaci su una polmonite apparentemente banale”. E quando le condizioni del paziente sono drasticamente peggiorate, ha deciso di “chiedere l’autorizzazione all’azienda sanitaria” per un tampone, che ha poi confermato il Covid-19. Perchè se “il noto falliva, non restava che entrare nell’ignoto”. 

L’intuizione

Tutto è cominciato da lì. Da un’intuizione e da un eccesso di prudenza che, forse, ha permesso di limitare ulteriormente il contagio. Ieri sera la dott.ssa Malara è stata ospite alla trasmissione di Fabio Fazio “Che Tempo che fa”, con molta modestia ha raccontato della sua intuizione, ma soprattutto che il suo è un lavoro di squadra e che il merito non è solo suo ma di tutti.

 

Gli studi a Pavia

Annalisa Malara ha studiato a Pavia. Dopo gli studi e pochi mesi in forza all’ospedale di Vigevano, nel 2012 approda all’ospedale di Lodi e poi a Codogno. Nei giorni scorsi è stata proposta anche la sua candidata al Premio Rosa Camuna 2020.

Il paziente 1

La vicenda di Mattia M., il paziente 1 è, invece, ormai nota. E’ il primo italiano risultato ufficialmente contagiato dal Coronavirus. Inizialmente non dichiara contatti sospetti con il focolaio cinese del virus, e viene rimandato a casa. Meno di 24 ore però le sue condizioni si erano aggravate ed è tornato al pronto soccorso con difficoltà respiratore. Lì poi, l’intuizione della dott.ssa Malara e la conclamazione ufficiale del contagio.

LEGGI ANCHE>> Ma se è un maratoneta, perché il 38enne di Codogno, il “paziente 1”, sta ancora così male?

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE!

Iscriviti al nostro gruppo Facebook Pavia e Provincia Eventi & News

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale prima Pavia (clicca “Mi piace” o “Segui” e imposta le notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia)

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia