Menu
Cerca
Una storia di generosità

Un defribillatore in memoria di Gabriele Scalinci, scomparso a 23 anni per infarto

Verrà posizionato presso l'Oratorio San Mauro in Via Folla di Sopra a Pavia.

Un defribillatore in memoria di Gabriele Scalinci, scomparso a 23 anni per infarto
Cronaca Pavia, 26 Giugno 2020 ore 10:28

DAE in memoria di Gabriele Scalinci, scomparso all’età di 23 anni per un arresto cardio circolatorio. L’inaugurazione avverrà domenica 28 giugno presso l’Oratorio San Mauro a Pavia.

Un defribillatore in memoria di Gabriele Scalinci

Domenica 28 Giugno 2020 alle 16.30 presso l’Oratorio San Mauro in Via Folla di Sopra a Pavia verrà inaugurato il primo Defibrillatore, a disposizione della popolazione, posizionato in memoria di Gabriele Scalinci. Saranno presenti la famiglia, i rappresentanti di Pavia nel Cuore, dell’AAT118 di Pavia e del Comune di Pavia.

L’arresto cardiaco

Gabriele, 23 anni, è stato vittima di un arresto cardiaco mentre si trovava in ufficio. Nonostante un lungo tentativo di rianimazione con ricorso anche a tecniche avanzate di circolazione extracorporea, è deceduto dopo quasi due giorni.

LEGGI ANCHE>> Non ce l’ha fatta il 23enne colpito da infarto, il suo cuore ha smesso di battere

Da questo tragico evento inizia una storia di pura generosità, a partire dalla donazione degli organi, che ha permesso di salvare molte vite. Anche gli amici di Gabriele si sono subito attivati, chiedendo a Pavia nel Cuore il supporto per attivare una raccolta fondi per acquistare defibrillatori da posizionare prioritariamente in luoghi di aggregazione giovanile. Ecco il loro messaggio:

“La raccolta fondi è orientata a racimolare una somma che verrà destinata all’acquisto di defibrillatori da collocare nella città di Pavia, preferibilmente in luoghi di afflusso di giovani. L’idea è partita in seguito alla morte del 23enne Gabriele Scalinci per arresto cardiaco. Un’iniziativa mediata dalla volontà di familiari e amici di Gabriele per prevenire il verificarsi di eventi quali l’impossibilità di immediatezza dell’intervento affinché si possa limitare nel futuro il ripetersi di disgrazie di questa tipologia.”

TORNA ALLA HOME