Scomparsa da Gambolò: è proprio di Luciana il corpo trovato nel Terdoppio

A dichiararlo l’esito delle analisi del Dna effettuate dall’istituto di medicina legale di Pavia.

Scomparsa da Gambolò: è proprio di Luciana il corpo trovato nel Terdoppio
Lomellina, 22 Ottobre 2019 ore 18:06

Caso Fantato: il corpo trovato a giugno nel Terdoppio è di Luciana. Arrivati gli esiti delle analisi del Dna.

Svolta nel caso Fantato

Ormai non vi sono più dubbi. Il corpo ritrovato sulle rive del Terdoppio è di Luciana Fantato. A decretarlo gli esiti delle analisi del Dna effettuate dall’istituto di medicina legale di Pavia sui resti ritrovati a giugno.

Il caso di Luciana Fantato, era stato riaperto anche dalla trasmissione “Chi l’ha visto?” . Ad essere rinvenuta era stata solo la parte superiore di un corpo in avanzato stato di decomposizione. A notarlo erano stati tre agricoltori, in cerca di un po’ di refrigerio sulle rive del fiume, che poi lo avevano segnalato ai carabinieri.

Scomparsa da Gambolò

Il 10 novembre 2017, si era presentato presso gli uffici della Stazione carabinieri di Gambolò il sig. Marcantognini Pierino, per denunciare la scomparsa della moglie, Fantato Luciana, 59 anni da Gambolò, residente con lui, insieme ai loro figli Pier Giorgio e Marta e al figlio di quest’ultima, Jean Claude.

Tale scomparsa, da quanto riferito dal coniuge ai militari, era avvenuta sin dalle prime ore dello stesso 10 novembre, quando la figlia Marta si accorse che la madre non era in casa, e ritrovando in cucina un biglietto manoscritto dalla stessa donna, con la quale lasciava delle disposizioni circa il funzionamento della lavatrice. Anche in camera da letto, occupata dalla madre, dal figlio Pier Giorgio e dalla stessa Marta, venne rinvenuto un secondo biglietto dove sostanzialmente venivano spiegati i motivi dell’allontanamento, in parte addebitati al marito, in particolare per il suo disturbo da accumulo a causa del quale l’intera abitazione e il cortile della stessa era invaso da giornali e altri oggetti recuperati. Tale situazione “imposta” da Pierino aveva precluso una vita sociale normale all’intera famiglia che non poteva invitare amici a casa e vivere normalmente, creando spesso liti tra gli stessi componenti del nucleo.

Subito si era mossa la macchina delle ricerche, avviata dai carabinieri, che avevano iniziato le ricerche lungo il tratto del torrente Terdoppio che da Gambolò arriva sino a Tromello, dove sono installate delle chiuse, e ad Alagna senza però trovare nulla che potesse far presupporre ad un gesto estremo.

Tali ricerche sono proseguite ininterrottamente per oltre un anno, anche grazie all’attivazione del piano delle ricerche delle persone scomparse della Prefettura, con la conseguente mobilitazione dei vigili del fuoco e dalla protezione civile.

Sono state valutate tutte le ulteriori ipotesi, dall’omicidio e all’allontanamento volontario.

Ipotesi omicidio

Per quanto riguarda l’ipotesi omicidio,  le investigazioni non avevano portato a nessuna ipotesi violenta, conclusione confermata anche dalla ricerca effettuata nell’abitazione e nelle zone limitrofe dai cani specializzati per il ritrovamento di cadaveri o tracce latenti degli stessi.

Ipotesi allontanamento

In relazione all’allontanamento volontario sono stati effettuati accertamenti presso vecchi parenti e amici della donna e presso gli enti che avrebbero potuto dare un ricovero alla scomparsa: Caritas, Suore, GIFRA ma senza alcun esito.

A settembre 2018 è stato coinvolto dalla Compagnia di Vigevano anche il Reparto Analisi Criminologiche del RACIS (Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche) di Roma che due mesi dopo è arrivato anch’esso alla conclusione di escludere l’ipotesi omicidio.

Il ritrovamento del corpo

Nel pomeriggio del 23 giugno 2019, in un’area golenale del torrente “Terdoppio” nel Comune di Alagna Lomellina (PV), la svolta: i militari della Stazione carabinieri di Garlasco (PV) avevano rinvenuto la parte superiore di un corpo in avanzato stato decomposizione. La salma era stata notata e segnalata da tre agricoltori, che erano transitati casualmente sul posto insieme al loro cane per fare una passeggiata e cercare un posto dove farsi un bagno. La salma, dopo i rilievi sul posto di routine, era stata trasferita presso l’Istituto di Medicina Legale di Pavia per essere sottoposto ad esame autoptico, come disposto dall’A.G..

Ieri sono arrivati i risultati che hanno confermato l’identità della donna e la tragica notizia è stata data alla famiglia oggi pomeriggio dai carabinieri della Stazione di Gambolò, dove era iniziato il tutto.

Ora la donna può riposare in pace e la famiglia può ricominciare a vivere, pur con la tragica notizia, ma senza più il dubbio sulla sua sorte.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia