Sparatoria in corso Strada Nuova: trovata la pistola

Nel frattempo, Raffaele Schibano, accusato di tentato omicidio, resta in carcere.

Sparatoria in corso Strada Nuova: trovata la pistola
Pavia, 21 Gennaio 2020 ore 19:19

Confermato dal Tribunale della Libertà l’impianto accusatorio nei confronti del 40enne Schibano Raffaele, originario di Avellino e residente a Pavia, pluripregiudicato che rimane detenuto presso la locale casa circondariale.

Sparatoria in corso Strada Nuova

Lo Schibano era stato sottoposto, il 26 ottobre 2019, a fermo di indiziato di delitto per la sparatoria avvenuta in Strada Nuova, nei pressi del Bar del Ponte. Nel corso della sparatoria un appartenente al campo nomadi di via Bramante era stato sfiorato dai colpi di pistola esplosi, nonostante la presenza di numerose persone in strada, dall’arma impugnata dallo Schibano che, soltanto fortunatamente, non avevano colpito i passanti.

LEGGI ANCHE>> Colpi di pistola in corso Strada Nuova: arrestato lo sparatore

L’arresto

Lo Schibano dopo il fatto, generato da futili motivi relativi alla mancata restituzione di un apparecchio cellulare (collegato ad un precedente episodio criminoso sul quale sono ancora in corso indagini), era fuggito a bordo dell’autovettura guidata dalla compagna, rifugiandosi nella propria abitazione di viale Repubblica dove era stato poi rintracciato e arrestato dalla Squadra Mobile.

Ritrovata la pistola

La successiva attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica e condotta dagli investigatori della Squadra Mobile, ha portato ad individuare una cantina intestata ad un’anziana, risultata estranea alle indagini, ubicata nei paraggi dell’abitazione del fermato dove, celati tra mobili e suppellettili in disuso, sono stati rinvenuti accuratamente avvolti e nastrati, una pistola beretta cal.2 (con caricatore e cartucce) recane la matricola abrasa, un fucile da caccia cal.12 a canne mozze, recante matricola abrasa nonchè numerose cartucce per fucile e pistole.

Nuovi capi di imputazione

Gli investigatori ritengono si tratti della pistola Beretta l’arma utilizzata nel fatto criminoso che ha dato avvio alle indagini. La Procura ha disposto accertamenti balistici sulle armi sequestrate. All’originaria imputazione di tentato omicidio e porto illecito di arma da fuoco si è aggiunta quella di detenzione e porto di arma clandestina e di arma alterata.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE!

Iscriviti al nostro gruppo Facebook Pavia e Provincia Eventi & News

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale di Pavia (clicca “Mi piace” o “Segui” e imposta le notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia)

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia