Spaccia cocaina a Vigevano, finisce in manette

"Acciuffato" grazie ad appostamenti e all'analisi dei tabulati telefonici.

Spaccia cocaina a Vigevano, finisce in manette
Vigevano, 15 Febbraio 2019 ore 17:24

Spaccia cocaina a Vigevano, arrestato dalla Polizia di Stato un cittadino marocchino di 37 anni. Preso grazie ad appostamenti e all’analisi dei tabulati telefonici.

Spaccia cocaina a Vigevano

Personale del Commissariato di Polizia di Stato di Vigevano, nel tardo pomeriggio di ieri 14 febbraio 2019, ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Pavia, Fabio Lambertucci, nei confronti di E.R., nato in Marocco nel 1982.

Gli appostamenti

L’attività d’indagine, dalla quale si è poi giunti all’emissione del citato provvedimento, risale all’ottobre dello scorso anno, quando personale dell’Anticrimine del Commissariato, avendo avuto notizia che il cittadino marocchino in oggetto svolgeva un’attività di spaccio di sostanze stupefacenti in questo centro, ha effettuato una serie di appostamenti, identificando alcuni acquirenti e sequestrando una modica quantità di cocaina.

I tabulati telefonici

Dopo aver acquisito ulteriori informazioni, è stato richiesto all’Autorità Giudiziaria l’emissione di un decreto per l’acquisizione dei tabulati telefonici dell’utenza che il cittadino marocchino utilizzava per essere contattato dagli acquirenti, utenza che, al fine di vanificare qualsiasi attività d’intercettazione, veniva frequentemente sostituita.

Dall’analisi dei tabulati acquisiti si è proceduto all’identificazione di circa una ventina di acquirenti che, ascoltati, hanno confermato di aver acquistato dallo straniero, a più riprese, sostanza stupefacente del tipo cocaina.

La misura cautelare

Tenendo in considerazione i numerosi precedenti penali e di polizia, anche specifici, a carico dell’uomo, è stata presentata una comunicazione conclusiva all’Autorità Giudiziaria con richiesta di valutare un’apposita misura cautelare, emessa poi in data 9 febbraio 2019.

In considerazione del fatto che E.R. non ha una stabile dimora, è stato ricercato attivamente sul territorio cittadino anche con la collaborazione degli equipaggi della Squadra Volante. Proprio uno di questi, ieri, nel tardo pomeriggio, lo ha rintracciato mentre stava tranquillamente passeggiando per le vie del centro storico ed ha eseguito il provvedimento cautelare che ha permesso di associarlo alla Casa Circondariale di Pavia in attesa delle determinazioni dell’Autorità Giudiziaria.

LEGGI ANCHE: Rapinatori senza scrupoli, vittima colpita al volto e al capo

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia