Intossicazione di massa

Sospetta intossicazione da botulino, 33 operai in ospedale: l’antidoto da Pavia a Cefalù

E' stato il centro antiveleni di Pavia che tiene sotto controllo la disponibilità del siero a trovare le dosi necessarie.

Sospetta intossicazione da botulino, 33 operai in ospedale: l’antidoto da Pavia a Cefalù
Pavia, 04 Ottobre 2020 ore 14:32

Sospetta intossicazione da botulino, 33 operai in ospedale: l’antidoto dal Centro antiveleni di Pavia trasportato fino a Cefalù, in Sicilia.

Intossicazione da botulino

Circa 15 fiale di siero antitossine botulinica: è stato il centro antiveleni di Pavia che tiene sotto controllo la disponibilità del siero a trovare le dosi necessarie. Sono 33 i pazienti accorsi al pronto soccorso di Cefalù (Palermo) per sospetta intossicazione da botulino, tra i lavoratori del cantiere del raddoppio ferroviario sulla linea Palermo Messina: 7 di questi sono stati ricoverati in terapia intensiva. Tutti avrebbero consumato lo stesso pasto e avrebbero successivamente manifestato per lo più sintomi neurologici. 

L’antidoto da Pavia a Cefalù

“Stiamo seguendo l’evoluzione della patologia – ha detto il responsabile del Pronto soccorso della Fondazione Giglio di Cefalù, Emanuele Sesti – in stretto raccordo con il Centro antiveleni di Pavia con cui abbiamo definito la terapia e la somministrazione dell’antidoto”.

Intanto i carabinieri del Nas e i tecnici dell’Asp di Palermo hanno eseguito una serie di controlli nell’azienda di catering che ha preparato il pasto per i lavoratori e sono stati prelevati dei campioni di cibo che verranno esaminati per stabilire se sia stata quella la causa dell’intossicazione di massa. 

TORNA ALLA HOME

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia