Richieste esose e ingiustificate

Piscina Broni, sciolto il contratto con la Sport Management

Il sindaco: "Avviata la ricerca di un nuovo gestore, c’è grande impegno per riaprire l’impianto il prima possibile".

Piscina Broni, sciolto il contratto con la Sport Management
Oltrepò, 14 Giugno 2020 ore 15:27

Piscina Broni, sciolto il contratto con la Sport Management. Riviezzi: “Alla ricerca di un nuovo gestore”.

Piscina Broni, sciolto il contratto con la Sport Management

“Ci stiamo impegnando affinché venga percorsa ogni possibile strada per rendere la piscina quanto prima accessibile ai cittadini”: così Antonio Riviezzi, sindaco di Broni, spiega la posizione del Comune in merito alla vicenda del locale centro natatorio, dopo la risoluzione del contratto tra la Broni Stradella Pubblica spa, titolare della struttura, e la Sport Management di Verona.

Quest’ultima, a causa delle limitazioni per fronteggiare l’emergenza da Covid-19 , nei giorni scorsi si era detta impossibilitata ad affrontare la stagione alle condizioni sottoscritte nel 2018, quando aveva ottenuto l’affidamento degli impianti di Broni e Stradella con un appalto della durata di otto anni.

Le motivazioni

Da un lato l’onere delle sanificazioni, dall’altro la riduzione dell’affluenza potenziale (con tutto ciò che ne consegue sul piano delle entrate): queste le motivazioni addotte dalla società veronese per giustificare le proprie posizioni. In forza delle quali ha poi presentato una serie di richieste, estremamente esose e non giustificate dalla situazione d’emergenza, che di fatto né il Comune, né la Broni Stradella Pubblica potrebbero concretamente soddisfare.

Avviata la ricerca di un nuovo gestore

Inevitabile, a questo punto, la decisione di sciogliere il rapporto in essere e avviare la ricerca di un nuovo gestore. “Siamo ben consapevoli – riprende Riviezzi – dell’importanza che questo servizio riveste per la nostra comunità e ci siamo da subito attivati per sollecitare una soluzione al problema. La Broni Stradella Pubblica ha dapprima cercato il dialogo con la Sport Management, ma le condizioni dettate per riaprire l’impianto non si sono rivelate sostenibili. Ora si è al lavoro per individuare un soggetto che possa, il prima possibile, farsi carico della gestione della piscina“.

TORNA ALLA HOME

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia