Monossido di carbonio: intera famiglia intossicata

Padre, madre, zia e due bambini ricoverati in ospedale: il gas tossico sprigionato da un braciere.

Monossido di carbonio: intera famiglia intossicata
Pavia, 02 Gennaio 2020 ore 11:05

La sera di San Silvestro, intorno alle 22.20, sono state soccorse sei persone a Zeme. La caldaia della loro abitazione è andata in cortocircuito generando molto fumo che ha quasi saturato gli ambienti. Nell’appartamento, in quel momento si trovavano sei persone che sono state soccorse dagli uomini del 118. Solo una di loro, una donna di 32 anni con tosse provocata dalle esalazioni è stata trasportata al Civile di Vigevano. Le altre 5 persone, che non presentavano particolari sintomi, hanno invece rifiutato il trasporto in ospedale.

LEGGI ANCHE>> Caldaia in cortocircuito e casa invasa dal fumo: 6 persone soccorse

Cinque persone intossicate dal monossido

Oggi, giovedì 2 gennaio 2020, una vicenda simile ci arriva dalla provincia di Lecco dove gli uomini del 118 hanno effettuato un intervento d’emergenza poco prima dell’alba. Come racconta GiornalediLecco.it, in un’abitazione di Dolzago, una famiglia di cinque persone è stata soccorsa con chiari sintomi di intossicazione da monossido di carbonio. Tutti accusavano cefalea, nausea e vomito. Oltre ai due genitori di origine senegalese, la madre 38 anni e il padre 45 anni, c’erano anche i figli di 7 anni e 10 anni. La quinta persona, una donna di 47 anni, sarebbe una parente della madre.

Tutti sono stati ricoverati in codice giallo. Sul posto anche i Carabinieri e i Vigili del Fuoco che hanno provveduto ad eseguire gli accertamenti e a mettere in sicurezza gli ambienti della casa. Stando ai primi riscontri, il gas tossico che ha intasato i locali si sarebbe sprigionato da un braciere che evidentemente era rimasto all’interno.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia