Entrambi denunciati

Lite tra stranieri, spunta un taglierino: arrivano carabinieri e 118

Feriti due egiziani di 30 e 31 anni.

Lite tra stranieri, spunta un taglierino: arrivano carabinieri e 118
Vigevano, 17 Giugno 2020 ore 12:07

Nel corso della nottata del 14 giugno scorso, i carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Vigevano erano intervenuti a Vigevano in Corso Genova, intersezione con Via San Marco, dove era stata segnalata una lite tra stranieri.

Lite tra stranieri

Sul posto i militari hanno potuto in quel momento solo potuto accertare che il litigio era avvenuto tra due egiziani residenti a Vigevano in Strada San Marco, A.A.E. trentenne e il trentunenne K.M.F.M., e che la contesa era degenerata in un accoltellamento. A seguito del fatto, entrambi, feriti ma non in pericolo di vita, sono stati poi soccorsi dai sanitari del 118 e trasportati distintamente presso i due istituti sanitari della città ducale: A.A.E. con una ferita da taglio all’avambraccio sinistro ed una al collo con diagnosi di “ferite da taglio da aggressione” e una prognosi di quindici giorni, ottenuta dopo aver subito un’operazione, mentre K.M.F.M. con forti dolori al costato con diagnosi di “policontusioni con escoriazioni e ferita al collo” e una prognosi di dieci giorni.

Il taglierino

Con le successive e immediate indagini, i carabinieri della locale Stazione, coadiuvati da quelli della Sezione Operativa della Compagnia, sono riusciti innanzitutto a rinvenire vicino al luogo del fatto, in Via Santa Maria, un cutter ed una felpa, quest’ultima con tagli compatibili con le ferite riportate, entrambi sporchi di sangue e sottoposti a sequestro. Inoltre, è stata ricostruita parzialmente la vicenda, che tuttavia presenta ancora alcuni aspetti oscuri da delineare, viste le due versioni contrastanti fornite dai contendenti.

La vicenda

Pare infatti che i due si fossero trovati per andare in un bar a discutere di una precedente denuncia che la moglie di A.A.E. avrebbe fatto contro una parente di K.M.F.M., poi la situazione è degenerata per un rifiuto di collaborazione e, secondo l’accoltellato, l’altro avrebbe estratto un taglierino per poi colpirlo, mentre il presunto accoltellatore avrebbe riferito che l’altro, con lo scopo di rapinarlo, gli avrebbe puntato un taglierino alla gola e lui, reagendo, lo avrebbe disarmato, ferendolo con la stessa arma.

In attesa di ulteriori sviluppi, A.A.E. è stato denunciato per lesioni personali e tentata rapina aggravata e K.M.F.M. per lesioni personali aggravate.

TORNA ALLA HOME

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia