Menu
Cerca

Inquinamento dell’acqua della Vernavola: fogna a cielo aperto

Altissimi i livelli dei colibatteri, di ammoniaca e di sostanze organiche: rischio di infezioni, per l’uomo e i mammiferi, in caso di contatto diretto.

Inquinamento dell’acqua della Vernavola: fogna a cielo aperto
Pavia, 15 Marzo 2018 ore 14:25

Inquinamento dell’acqua da bollino rosso per la Vernavola: allarmante l’esito dei rilievi.

Inquinamento dell’acqua: bollino rosso per la Vernavola

La Vernavola al centro dell’attenzione: stando ai dati raccolti, infatti, il piccolo corso d’acqua avrebbe raggiunto livelli di inquinamento da bollino rosso. Pare infatti che alcune abitazioni persistano nello riversare scarichi fognari nel corso d’acqua. I livelli di colibatteri, in alcuni punti, raggiungono quota 22000 e non scendono sotto i 2000 – teniamo presente che il valore soglia è stato fissato in 1000 Ufc/100ml (Unità formanti colonia per 100 millilitri).

I rilievi

I rilievi sono stati effettuati dal Centro di monitoraggio ambientale della roggia Vernavola figlio di una convenzione siglata tra Università di Pavia (dipartimenti di Ingegneria civile e Architettura e di Scienze della terra e dell’ambiente) e Comune di Pavia che ha il compito di tenere monitorato il fiumiciattolo. Preoccupanti i livelli di escherichia coli, non sono solamente i colibatteri a spaventare bensì i livelli di ammoniaca e sostanze organiche. La situazione più grave è stata registrata all’altezza di viale Cremona e il peggioramento della qualità delle acque inizia già da via Ferrini.

Le autorità

L’assessore Ilaria Cristiani ha dichiarato che nessuno si aspettava questa situazione ma non mancheranno indagini finalizzate a controllare quali siano le abitazioni che scaricano direttamente nella Vernavola. Paura anche per i campi irrigati dalla Vernavola nonché per il rischio infezioni. Non è infatti da escludere il rischio di infezioni per uomo e mammiferi in caso di contatto diretto.