ASST Pavia

Covid, in Pronto Soccorso arrivano i test antigenici rapidi: risultati in 15 minuti

Con il vantaggio di ridurre i tempi di attesa e gestire i pazienti Covid positivi da quelli Covid-free.

Covid, in Pronto Soccorso arrivano i test antigenici rapidi: risultati in 15 minuti
Cronaca Vigevano, 02 Dicembre 2020 ore 14:14

Avvio dei test antigenici rapidi su tamponi nasali per la ricerca di SARS-CoV-2 effettuati su pazienti con sintomi di Covid-19 presso i Pronto Soccorso aziendali e sorveglianza attiva

In pronto soccorso arrivano i test antigenici rapidi

Il Direttore Generale di ASST Pavia, dott. Michele Brait, comunica che da lunedì, 30 novembre 2020, sono disponibili presso i quattro Pronto Soccorso ospedalieri dell’ASST di Pavia (Vigevano, Voghera, Varzi e Stradella) i test antigenici rapidi per la ricerca di SARS-CoV-2 su tamponi nasali messi a disposizione da Regione Lombardia.

Tali test consentiranno di offrire risultati rapidi, in 12-15 minuti, mediante l’identificazione delle proteine (antigeni) virali di SARS-CoV-2, attraverso una reazione antigene-anticorpo che può essere direttamente visibile a occhio nudo, o letta mediante una semplice apparecchiatura portatile, tipo “point of care”.

L’utilizzo di tali test consentirà di:

  • rendere più rapida l’identificazione dei positivi tra soggetti sintomatici afferenti ai Pronto Soccorso;
  • rendere più rapido il testing nei casi sospetti;
  • rendere più rapido il testing nei contatti;

Due tipi di kit

I kit consegnati sono di due tipi: quelli con lettore automatico e quelli immunocromatografici (test a saponetta); il risultato di questi ultimi è identificabile a occhio nudo, in base al colore assunto dalle bande di reazione antigene-anticorpo a contatto con il campione prelevato.

I test antigenici con lettore verranno effettuati su valutazione clinica 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 su tutti i pazienti che accedono ai Pronto Soccorso aziendali con sintomi di Covid-19.

I pazienti che si presentano in Pronto Soccorso con sintomi di COVID-19 e risultano positivi al test rapido verranno gestiti, come tali, in tempi molto brevi; tuttavia, se il test dovesse risultare negativo, a fronte di forte sospetto di COVID-19, sarà necessario confermare la diagnosi mediante test molecolare.

La rapida identificazione dei positivi tra i soggetti sintomatici avrà un vantaggio indubbio nei Pronto Soccorso dal punto di vista organizzativo per ridurre i tempi di attesa e gestire i pazienti Covid positivi da quelli Covid-free.

Test a saponetta per operatori sanitari

I test a saponetta, vale a dire a lettura diretta del tampone, saranno invece utilizzati per effettuare la sorveglianza sanitaria sugli operatori sanitari secondo specifico programma temporale a cura dell’RSPP e dei Medici Competenti. Gli operatori individuati quali contatti asintomatici di caso (verosimilmente, di norma casi extraospedalieri), anche in considerazione dell’attuale contesto emergenziale, saranno sottoposti ad un rigoroso monitoraggio attivo, caratterizzato dalla rilevazione anamnestica di sintomi suggestivi per COVID-19 a cadenza quotidiana ed effettuazione di tampone nasofaringeo per ricerca di Antigene virale, secondo il protocollo aziendale.

Inoltre, gli operatori sanitari che lavorano in aree dedicate a pazienti particolarmente fragili, in quanto immunodepressi o sottoposti a terapie oncologiche, saranno avviati ad un sistema di sorveglianza attivo, anche di screening, che prevede l’effettuazione di tamponi con cadenze bisettimanali; tale indicazione sarà estesa anche alle altre aree di degenza in base alle diverse categorie di rischio.

LEGGI ANCHE

Focolaio al pranzo di nozze a Pavia: 21 contagiati su 34 invitati

Carenza di vitamina D e infezioni gravi da Covid-19: lo studio del San Matteo

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità