Il Tar ferma la Superstrada Vigevano-Malpensa

I giudici hanno evidenziato una serie di irregolarità di carattere tecnico.

Il Tar ferma la Superstrada Vigevano-Malpensa
Vigevano, 01 Febbraio 2020 ore 13:21

La  Superstrada Vigevano-Malpensa non s’ha da fare: la delibera del Cipe del 28 febbraio 2018 che dava il via libera al finanziamento da 220 milioni da parte del Ministero si è infatti infranta contro il pronunciamento dei giudici della seconda sezione del Tar.

Una opera discussa

La Superstrada che avrebbe dovuto collegare Vigevano a Malpensa ha quindi subìto un brusco stop. I giudici nel loro pronunciamento di venerdì 31 gennaio 2020 hanno ravvisato alcune irregolarità di carattere tecnico, originate in particolare dalle discrepanze tra il progetto preliminare e quello definitivo.

Chi esulta per lo stop

Una decisione che ha fatto esultare il variegato fronte del “no” al progetto, in primis i Comuni di Cassinetta e di Albairate, Città metropolitana, il Parco del Ticino, il Parco Agricolo sud Milano che del ricorso al Tar erano stati i promotori a seguito di una lunga battaglia per contrastare un’opera considerata troppo impattante per il territorio e non risolutiva dei problemi di traffico. Una prima vittoria del fronte del “no” c’era stata a luglio quando la Commissione di Valutazione Impatto Ambientale del ministro dell’Ambiente aveva espresso sull’intervento un parere negativo, sulla scia di una richiesta della Commissione Europea.

E chi invece si dispera

Superstrada, i sindaci al Ministero dei Trasporti.  Nella matttinata del 6 dicembre i prim icittadini da sempre favorevoli alla realizzazione della  Vigevano-Malpensa, accompagnati dall’on. Marco Maggioni, hanno incontrato la Segreteria Tecnica

La decisione, invece, assume contorni negativi per gli amministratori dei Comuni che fino a oggi si sono battuti per la realizzazione della Superstrada per Malpensa: poche settimane fa i sindaci di Vigevano, Abbiategrasso, Robecco sul Naviglio e Magenta avevano incontrato a Roma il ministro delle Infrastrutture Paola De Micheli per ribadire quanto l’opera fosse necessaria per la viabilità del territorio. Ora Anas potrebbe decidere di impugnare la sentenza.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia