Cronaca
Strage di Stradella

Il fratello gli uccise moglie, figlia e cognata: dopo 13 anni risarcito con (solo) 100mila euro

Massacrate a coltellate nel 2009: il killer fu assolto per vizio totale di mente.

Il fratello gli uccise moglie, figlia e cognata: dopo 13 anni risarcito con (solo) 100mila euro
Cronaca Oltrepò, 10 Maggio 2022 ore 11:33
Il fratello gli uccise moglie, figlia e cognata: dopo 13 anni risarcito con (solo) 100mila euro: ma la battaglia legale continua.

Gli uccise moglie, figlia e cognata

Tredici anni fa, nel 2099, a Stradella l'albanese Alfred Melyshi, all'epoca 24enne, invitato a pranzo dal fratello Anton, in preda a un raptus gli uccise a coltellate la figlia Claudia di 4 anni, la moglie 24enne Rina Ndojhi e la sorella 19enne di lei, Ornela, che era anche la sua fidanzata. Poi, forse nel tentativo di suicidarsi, si ferì con un coltello al polmone. Una strage che all'epoca sconvolse la città.

Incapace di intendere e volere

Al processo Alfred Melyshi fu assolto assolto in quanto considerato totalmente incapace di intendere e volere, e quindi non fu condannato al risarcimento del danno causato al fratello.

Anton, allora, si rivolse al tribunale di Roma, chiedendo di condannare il Ministero della Giustizia a risarcire il danno con 250mila euro per ogni delitto rifacendosi ad una direttiva europea del 2004 che prevede che lo Stato ristori il danneggiato, nel caso in cui il condannato non possa economicamente risarcire.

Risarcito con 100mila euro

Ma ora, dopo 13 anni, il Comitato di solidarietà per le vittime dei reati intenzionali e violenti del Ministero dell'Interno ha accordato ad Anton Melyshi solo un indennizzo complessivo di 100.000 euro per moglie e figlia. L’uomo però, assistito dal legale Claudio Defilippi, ha deciso di continuare nella sua battaglia giudiziaria per avere un risarcimento "più congruo".

Alfred Melyshi attualmente si trova ancora ricoverato in un ospedale psichiatrico giudiziario.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter