il messaggio

Fase 2, il Sindaco Fracassi avvisa i cittadini: “Non è il ritorno alla normalità”

Il primo cittadino di Pavia, lancia un messaggio alla cittadinanza invitandola a tenere alta l'attenzione e a mantenere il senso di responsabilità.

Fase 2, il Sindaco Fracassi avvisa i cittadini: “Non è il ritorno alla normalità”
Pavia, 04 Maggio 2020 ore 09:39

Fase 2, il Sindaco Fracassi manda un messaggio ai cittadini: “Non è il ritorno alla normalità che tutti vorremmo. Il pericolo non è passato!

Fase 2, il Sindaco Fracassi: “Non è il ritorno alla normalità”

Cari Concittadini,
con l’entrata in vigore del DPCM del 26 aprile 2020, da oggi lunedì 4 maggio 2020 ci sarà un lieve allentamento delle misure restrittive.

NON È IL RITORNO ALLA NORMALITÀ CHE TUTTI VORREMMO: le attività commerciali al dettaglio – fatta eccezione per la vendita di alimentari, farmacie e parafarmacie, tabaccai ed edicole – restano sospese; viene confermato il divieto di spostamenti, salvo comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute; sono proibiti gli spostamenti da regione a regione, eccetto comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza o motivi di salute.

IL PERICOLO NON È PASSATO!
I controlli continueranno a essere effettuati e verranno svolte verifiche stringenti sulle dichiarazioni, ora come prima.
La NOVITÀ è che, tra le situazioni di necessità che consentono gli spostamenti, saranno valide le visite ai “congiunti”, intesi come parenti, affini o affetti stabili (es. fidanzati sì, amici o conoscenti no).
Si consiglia di spostarsi a piedi o sulle due ruote, qualora possibile, allo scopo di ridurre al minimo la permanenza ravvicinata con altre persone, durante il tragitto. La buona stagione lo consente.
Saranno inoltre autorizzate le attività sportive e motorie all’aperto, purché da soli – eccezione fatta per i minori e le persone non autosufficienti, che possono essere accompagnate.

LEGGI ANCHE>> Visite ai parenti: le dieci regole da seguire per incontrare i congiunti

Aperti parchi pubblici e cimiteri

Per quanto riguarda, nello specifico, PAVIA, verrà permesso l’accesso ai parchi pubblici. Rimangono però chiusi i parchi recintati per bambini e l’area giochi del parco della Vernavola, che si prestano a maggiori rischi di contagio.
Per favorire il raccoglimento e la preghiera, in vista della ripresa delle funzioni religiose pubbliche, verranno riaperti anche i cimiteri cittadini: lunedì 4 maggio, dalle 09:00 alle 12:00; da martedì 5 maggio, sia dalle 09:00 alle 12:00 che dalle 15:00 alle 18.00.

Niente assembramenti e vie respiratore coperte

Resta l’obbligo di evitare, al di fuori della propria abitazione e anche nell’ambito delle attività consentite, ogni forma di assembramento, nonché di rispettare il distanziamento personale di almeno 1 metro (2 metri quando si svolgono attività sportive).

Non di meno, resta l’obbligo di proteggere le vie respiratorie con mascherine o con ogni altro dispositivo utile.
Al riguardo, va detto che siamo consapevoli della difficoltà di reperire le mascherine sul mercato.
Le Istituzioni interessate stanno facendo ogni sforzo per procurarsele e distribuirne alla popolazione il maggiore numero possibile, nonostante le oggettive difficoltà dovute all’emergenza internazionale e all’insufficiente produzione.

Cari Concittadini, non è ancora la normalità, ma si tratta di un primo passo verso la normalità.
La strada sarà lunga, bisogna esserne consapevoli. Ma arriveremo alla meta.

Nel frattempo, siamo tutti invitati a tenere ALTA L’ATTENZIONE e a mantenere il SENSO DI RESPONSABILITÀ dimostrato, fino a ora, dalla gran parte di noi.
Grazie!

Il Sindaco di Pavia, Mario Fabrizio Fracassi

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE!

Iscriviti al nostro gruppo Facebook Pavia e Provincia Eventi & News

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale Prima Pavia (clicca “Mi piace” o “Segui” e imposta le notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia)

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia