Valutare aspetti tecnici e compatibilità ambientale

Discarica Ferrera: in settimana il sopralluogo dei tecnici del Politecnico

“Saremo a disposizione per fare definitivamente chiarezza sulla bontà del progetto”

Discarica Ferrera: in settimana il sopralluogo dei tecnici del Politecnico
Lomellina, 22 Giugno 2020 ore 14:21

Discarica di cemento amianto a Ferrera: il 25 giugno arrivano i tecnici del Politecnico come privisto dal Tar.  L’amministratore di Acta, Francesco Minghetti: “Saremo a disposizione per fare definitivamente chiarezza sulla bontà del progetto”.

Discarica Ferrera: sopralluogo dei tecnici del Politecnico

E’ previsto per giovedì 25 giugno 2020 il sopralluogo dei tecnici del Policlinico del Torino, incaricati di valutare gli aspetti tecnici e di compatibilità ambientale dell’impianto come previsto dal Tar. La visita era prevista la scorsa primavera, ma il lockdown causato dell’emergenza Coronavirus ha imposto un rinvio a questa settimana.

“Attendiamo la visita, giorno in cui si potrà accertare ancora una volta la bontà del nostro progetto. Siamo a disposizione dei tecnici incaricati dal Tar – dice l’amministratore di Acta, Francesco Minghetti – per fare chiarezza su come viene gestita la discarica. Intanto noi abbiamo incaricato Raffaello Cossu dell’Università di Padova, esperto in ingegneria ambientale, perchè faccia da intermediario tra noi e il Politecnico. La sua professionalità ci permetterà di valutare attentamente la relazione che verrà stilata dal Politecnico. Concordiamo con la decisione del Tar di far verificare a tecnici terzi, come quelli dell’importante Università piemontese, se l’impianto rispetta ambiente e salute, come sosteniamo sin dai primi giorni del progetto».

Continua l’attività del Comitato di salvaguardia

Non si è fermata, invece, l’attività del Comitato di salvaguardia del Comune di Ferrera Erbognone. “I contatti con i membri tecnici del comitato – spiega Minghetti – sono stati mantenuti anche nel periodo cruciale del Covid. Ovviamente nel rispetto delle disposizioni abbiamo fornito loro le informazioni che ci hanno richiesto in materia di tutela ambientale e della salute. Come sempre è nostra intenzione essere il più trasparenti possibile con i Comuni e i cittadini”.

Ad oggi sono state ritirate circa 50mila tonnellate di cemento amianto. “Abbiamo rallentato il ritiro – spiega Minghetti – nelle fasi cruciali dell’emergenza virus per garantire il rispetto delle norme imposte dal Governo. Ma, salvo qualche giorno di chiusura a marzo, abbiamo continuato comunque a ritirare con ritmi ridotti. Giornalmente vengono conferiti soltanto 5 mezzi dei 10 previsti”.

TORNA ALLA HOME

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia