Caso Ikea, chiesta l’archiviazione per i dipendenti che cambiavano le etichette dei prezzi

Secondo la Procura non si possono configurare reati penali come la truffa o il furto.

Caso Ikea, chiesta l’archiviazione per i dipendenti che cambiavano le etichette dei prezzi
Pavese, 07 Febbraio 2020 ore 12:12

Caso Ikea, chiesta l’archiviazione per i dipendenti che cambiavano le etichette dei prezzi.

Caso Ikea, chiesta l’archiviazione per i dipendenti che cambiavano le etichette dei prezzi

Circa quaranta dipendenti erano stati accusati da Ikea di “gravi comportamenti volti a danneggiare le risorse aziendali”.

Il “caso Ikea”

Era scoppiato un caso, il “caso Ikea”: i lavoratori denunciati dal colosso svedese, secondo l’accusa, applicavano etichette con prezzi ribassati a prodotti che in realtà costavano di più, presi dall’angolo delle occasioni, lo spazio del negozio che mette in vendita merce fallata o da smaltire. Erano scattati dieci licenziamenti, poi la sospensione dello stipendio per altri ma i lavoratori, per voce dei sindacati, si difendevano dalle accuse, sostenendo che le procedure erano consentite.

LEGGI ANCHE>> Caso Ikea, cambiavano le etichette dei prezzi: licenziati 10 dipendenti

La Procura ha chiesto l’archiviazione per tutti i dipendenti

Ora, la Procura ha chiesto di archiviare le posizioni di tutti i coinvolti, anche se le parti potranno fare opposizione. “Qualcuno voleva far credere che dentro Ikea c’erano criminali. Non è così, non lo è mai stato”, commentano dalla Filcams Cgil con poche parole, anche perché la vicenda non è ancora conclusa.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia