A Pavia

Cadavere ritrovato nei campi a ridosso della Tangenziale: identificato il corpo

La morte risalirebbe alla notte tra mercoledì e giovedì: disposta l'autopsia per risalire alle cause del decesso.

Cadavere ritrovato nei campi a ridosso della Tangenziale: identificato il corpo
Pavia, 31 Luglio 2020 ore 09:43

Cadavere ritrovato nei campi a ridosso della Tangenziale di Pavia: identificato il corpo. Gli inquirenti hanno disposto l’autopsia per stabilire la causa del decesso.

Cadavere ritrovato nei campi a ridosso della Tangenziale: identificato il corpo

E’ stato identificato il cadavere rinvenuto nei campi tra la tangenziale e la scuola infermieri del San Matteo. Si tratta di Alberto Nascimbene, 64 anni, un pensionato con problemi di alcolismo.

A notare il corpo nella mattinata di giovedì 30 luglio, intorno alle 10.30, è stato un operaio che stava lavorando nella zona. Scattato l’allarme sul posto si sono prontamente portati i sanitari del 118 che però non hanno potuto far altro che constatare il decesso dell’uomo.

Accorsi sul posto anche gli Agenti della Squadra Volante che ora stanno conducendo le indagini per risalire agli ultimi istanti di vita dell’uomo, con solo un piccolo precedente per guida in stato di ebbrezza.

Disposta l’autopsia

E proprio nella serata tra martedì e mercoledì il 64enne era finito al pronto soccorso dopo essersi sentito male per aver bevuto troppo. Le sue tracce certe si fermano lì, dopo essere stato dimesso, intorno alle 3, dal Policlinico. Il corpo, al momento del ritrovamento, sembra non presentasse segni di violenza. L’ipotesi è che possa essere stato colto da un malore. Ma per accertare con sicurezza le cause del decesso, il magistrato ha disposto l’autopsia.

(Foto di copertina: immagine di repertorio)

LEGGI ANCHE Rapina donna armato di coltello: 40enne ferita alla mano destra

TI POTREBBE INTERESSARE Dopo il Covid si torna a parlare di influenza stagionale: le novità sul vaccino

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia