Presenti due medici

Broni: al via l’unità speciale per la cura a domicilio dei pazienti Covid

Sottoscritta da Comune e Ats Pavia la convenzione per istituire in città l’Usca.

Broni: al via l’unità speciale per la cura a domicilio dei pazienti Covid
Oltrepò, 09 Novembre 2020 ore 13:39

Broni: al via l’unità speciale per la cura a domicilio dei pazienti Covid. Sottoscritta da Comune e Ats Pavia: a disposizione dei medici la Sala Campora del Polo culturale di Viale Matteotti.

Broni: al via l’unità speciale per la cura a domicilio dei pazienti Covid

Sarà istituita a breve nel Comune di Broni un’Unità Speciale di Continuità assistenziale (Usca), il cui scopo è quello di curare a domicilio le persone risultate positive al Covid-19 e i pazienti con sintomatologia clinica sospetta per coronavirus.

La convenzione con Ats

La giunta ha infatti approvato una convenzione con l’Ats di Pavia, grazie alla quale sarà garantita la presenza di due medici, sette giorni su sette dalle ore 8 alle ore 20, negli spazi del Polo culturale “Giorgio Soavi” di Viale Matteotti. Obiettivo dell’Usca è quello di permettere ai medici di famiglia, ai pediatri e ai medici di continuità assistenziale (ex guardia medica) lo svolgimento dell’attività ordinaria.

«Abbiamo potenziato ulteriormente – afferma in proposito il sindaco di Broni, Antonio Riviezzi – i servizi attivi sul territorio per il contrasto della pandemia. Dopo aver concesso il piazzale delle piscine per i tamponi “drive in” e la palestra di Piazza Italia per la campagna di vaccinazione antinfluenzale, ci siamo attivati per mettere a disposizione dell’Ats la Sala Campora, già di fatto esclusa dall’accesso la pubblico. Con l’Usca si aggiunge quindi un tassello alle strategie in ambito sanitario implementate sul nostro territorio comunale. In questo momento – aggiunge il primo cittadino – è fondamentale assistere adeguatamente le persone non ospedalizzate che hanno contratto il Covid-19, o che comunque presentano un quadro sintomatologico riconducibile al coronavirus, così da consentire ai medici di medicina generale di seguire nel modo più agevole possibile gli altri pazienti».

Cosa fanno le Usca

Nel dettaglio, i compiti dell’Usca comprendono: la gestione domiciliare dei pazienti in isolamento, la gestione domiciliare dei contatti di caso certo in isolamento fiduciario, la valutazione domiciliare dei casi sospetti e loro gestione, le attività burocratiche/amministrative (cartella clinica, compilazione flussi, ecc.).

«Da parte nostra – conclude Riviezzi – c’è il massimo impegno a favore della comunità in questo difficile momento, sia per quanto riguarda il sostegno alle attività produttive, sia nel campo della tutela della salute pubblica».

(Foto di copertina: Martina Santimone – Areu)

LEGGI ANCHE

Pediatra morta di Covid: è deceduta al San Matteo dove ha lavorato diversi anni

TI POTREBBE INTERESSARE

Cade con il parapendio e muore annegato nel Ticino: chi è la vittima del terribile incidente

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia