Menu
Cerca
Pavia

Bambino di un anno positivo al Covid ricoverato al San Matteo sotto ossigeno

Fortunatamente le sue condizioni non sarebbero gravi. 

Bambino di un anno positivo al Covid ricoverato al San Matteo sotto ossigeno
Cronaca Pavia, 10 Marzo 2021 ore 12:03

Gli accessi al pronto soccorso pediatrico del San Matteo in aumento del 20%: tra loro anche un bambino di un anno che è stato ricoverato in quanto ha bisogno di ossigeno. Fortunatamente non è grave.

AGGIORNAMENTO DELLE 17.30: l’ospedale ha comunicato che il piccolo non è mai stato in gravi condizioni, ed è stato semplicemente monitorato. E’ già stato dimesso ed è potuto tornare a casa dai suoi genitori.

Contagi Covid in aumento tra i giovani

I contagi Covid sono in aumento anche tra i più bambini e ragazzi minorenni. Una crescita alimentata soprattutto dalla variante inglese, che colpisce in particolar modo i più giovani. E spesso anche solo un banale raffreddore può celare invece una positività.

Ed è così che gli accessi al pronto soccorso pediatrico del San Matteo, rispetto al mese scorso, sono aumentati del 20%. E tra questi vi è anche il caso di un bambino di un anno di Stradella, che è arrivato in ospedale con febbre e difficoltà respiratorie.

Ricoverato bambino di un anno

Sottoposto al tampone, il test ha dato esito positivo. Per il piccolo è stato quindi disposto il ricovero in Pediatria in quanto necessitava del supporto dell’ossigeno. Le sue condizioni fortunatamente non si sono rivelate gravi. Fondamentale, in questo caso, è stato il pronto intervento dei genitori che hanno immediatamente colto sintomi sospetti e hanno deciso di portarlo al San Matteo.

Il reparto di Pediatria Covid

Nel reparto di pediatria diretto dal professor Gian Luigi Marseglia sono stati presi in cura, da metà febbraio ad oggi, circa 18 bambini positivi al Covid. Tutti bambini che avuto bisogno di un supporto impossibile da ottenere tra le mura domestiche. Il reparto è dotato di 6 posti letto che nella fase acuta della pandemia spesso erano tutti occupati. Fortunatamente per la maggior parte dei piccoli pazienti è sufficiente rimanere sotto controllo a casa. 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli