a voghera

Attività di spaccio in casolare abbandonato: il blitz dei carabinieri

Un 29enne marocchino è stato arrestato, il complice è riuscito invece a fuggire nei campi circostanti.

Attività di spaccio in casolare abbandonato: il blitz dei carabinieri
Voghera, 27 Maggio 2020 ore 14:48

Un marocchino di 29 anni è stato arrestato a Voghera, a seguito di un’operazione della Polizia di Stato di Voghera volta al contrasto dello spaccio di stupefacenti.

Attività di spaccio in casolare abbandonato

Nel pomeriggio del 26 maggio 2020 a Voghera, in Strada Granella, personale della Polizia di Stato della sezione anticrimine e delle volanti del Commissariato di Polizia di Stato ha effettuato un’attività di polizia giudiziaria dedicata al contrasto del fenomeno di spaccio di sostanze stupefacenti.

Da una precedente attività investigativa era emerso, infatti, che cittadini extracomunitari avevano occupato un casolare abbandonato, ubicato all’interno di una vasto terreno incolto lungo la predetta Strada, al fine di utilizzarlo per il confezionamento dello stupefacente.

Il blitz

Giunti sul luogo, gli agenti della Polizia di Stato si sono appostati in prossimità dell’immobile e notando la presenza di due uomini al suo interno, hanno deciso di procedere con l’irruzione.
I due soggetti alla vista degli operatori sono scappati dalla finestra e si sono dati alla fuga nei campi. Uno dei due è stato intercettato e bloccato e tratto in arresto, mentre l’altro è riuscito a far perdere le proprie tracce.

La cocaina e i contanti

L’arrestato, sottoposto a perquisizione personale, è stato trovato in possesso di oltre mille euro in contanti e di un telefono cellulare utilizzato per l’attività di cessione dello stupefacente.
All’interno del casolare sono state inoltre rinvenute 66 dosi per un peso complessivo di 34,60 grammi di cocaina (in parte da confezionare e in parte già confezionata), materiale utilizzato per il confezionamento della droga e strumentazione per la lavorazione della plastica termo restringente.

L’arresto

Al termine dell’attività d’indagine K.I., il marocchino con cittadinanza italiana, di anni 29, disoccupato, con precedenti di polizia specifici, tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale, è stato messo a disposizione dell’A.G.

Al termine dell’udienza di convalida dell’arresto, veniva patteggiata la pena di 1 anno e 2 mesi. 

TORNA ALLA HOME 

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia