VILLANTERIO

Appena scarcerato riprende a maltrattare e minacciare di morte gli anziani genitori

Per il 46enne si sono riaperte le porte del carcere

Appena scarcerato riprende a maltrattare e minacciare di morte gli anziani genitori
Pubblicato:

Maltratta nuovamente i genitori anziani appena scarcerato: per un uomo di 46 anni si riaprono le porte del carcere.

Maltrattamenti in famiglia

I Carabinieri della Stazione di Villanterio hanno arrestato ieri pomeriggio, giovedì 4 luglio 2024, un 46enne del luogo per maltrattamenti in famiglia nei confronti dei suoi anziani genitori. Il 46enne, già noto alle forze dell'ordine per le sue condotte violente, era stato scarcerato da poco più di un mese dopo aver scontato una pena per i medesimi reati.

Minaccia di morte i genitori

Dalle indagini è emerso che nel pomeriggio di ieri, l'uomo ha ripetutamente minacciato di morte i genitori, entrambi ultraottantenni, mostrando loro un coltello e ordinandogli di lasciare l'abitazione. Le minacce e le vessazioni nei confronti dei due anziani erano già in atto dal 2015 e si erano interrotte solo per un breve periodo tra il maggio 2023 e l'aprile 2024, quando l'uomo era stato detenuto in carcere in seguito alla condanna definitiva per i maltrattamenti denunciati dai genitori nel 2020.

Riportato in carcere

Al termine delle formalità di rito, l'arrestato è stato portato presso la casa circondariale di Pavia. L'episodio rappresenta un triste monito sulla violenza domestica che purtroppo colpisce anche le fasce più fragili della popolazione, come gli anziani. È importante ricordare che le vittime di tali abusi non sono mai sole e che possono trovare aiuto e sostegno rivolgendosi alle forze dell'ordine o ad associazioni dedicate.

La violenza domestica

Se sei testimone o vittima di violenza domestica contro gli anziani, non esitare a denunciare. Puoi rivolgerti alle forze dell'ordine (112), al Telefono Azzurro (116 111) o ad associazioni come Telefono Rosa (1522). Non sei solo.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali