L'impatto dell'epidemia

Al via il progetto di ricerca “Periscope”, per fronteggiare il Covid e prepararsi alle pandemie

Finanziato con 10 milioni di euro dall’Unione Europea: coinvolte 32 istituzioni europee coordinate dall’Università di Pavia. 

Al via il progetto di ricerca “Periscope”, per fronteggiare il Covid e prepararsi alle pandemie
Cronaca Pavia, 09 Novembre 2020 ore 14:49

Lotta al Coronavirus: al via il progetto di ricerca “Periscope”. 10 milioni di euro dell’UE, 32 istituzioni europee coordinate dall’Università di Pavia.

Al via il progetto di ricerca “Periscope”

Prenderanno il via il prossimo 12 novembre con il kickoff meeting in programma in modalità virtuale i lavori per “Periscope” il progetto di ricerca finanziato dalla UE e che vede alleate 32 istituzioni europee per indagare sull’impatto comportamentale e socio economico del COVID-19 e per preparare l’Europa a future pandemie.

Coordinatore l’Università di Pavia

L’Università di Pavia è l’ente coordinatore del progetto che riceverà 10 milioni di euro attraverso Horizon 2020, il programma per la ricerca e l’innovazione, quale parte della Coronavirus Global Response Initiative varata nel maggio 2020 dalla Presidentessa della Commissione Europea Ursula von der Leyen. 

Il primo meeting dell’attività di ricerca si terrà on line da Pavia e inizierà con un saluto del Rettore Francesco Svelto e con un intervento di Giulio Gallera, Assessore al Welfare della Regione Lombardia. La Regione è presente all’avvio dei lavori in qualità di sostenitore del progetto e, dal punto di vista della ricerca, per il lavoro svolto nella costruzione del database Covid che potrebbe essere messo a disposizione del progetto. Nel corso dell’incontro gli enti partecipanti descriveranno le attività pianificate per il loro specifico cluster di ricerca.

Atlante del Covid

“Periscope” si propone di contribuire a una conoscenza più approfondita dell’impatto dell’epidemia, attraverso un’intensa ricerca multi-disciplinare, sia teorica che sperimentale e considerando diversi punti di vista: clinico ed epidemiologico; socio-economico e politico; statistico e tecnologico.

L’obiettivo è quello di sviluppare un Atlante del Covid, comprensivo, facile da utilizzare, accessibile liberamente che dovrebbe diventare uno strumento di riferimento per ricercatori e responsabili dei processi decisionali e una fonte dinamica di informazioni da diffondere al pubblico. Il progetto vuole inoltre rafforzare la capacità dell’Europa di affrontare futuri eventi simili, e riflettere sul futuro di una governance a più livelli del settore sanitario e di tutti gli altri ambiti colpiti dalla pandemia.

Nel perseguire questi obiettivi, “Periscope” vuole anche fare luce sulle conseguenze indirette e impreviste del virus e sulle relative risposte dei governi con l’intenzione di conservare un processo decisionale basato sui fatti, raccogliendo una mole di dati, informazioni e analisi statistiche senza precedenti sulle conseguenze sociali, economiche, comportamentali della pandemia.

32 istituzioni partner

L’Università di Pavia è coordinatore europeo del progetto, capofila di 32 istituzioni partner, alcune delle quali leader internazionali nel proprio settore. L’Università unitamente all’IRCCS Policlinico San Matteo riceverà 1.286.000 euro, che verranno prevalentemente dedicati al reclutamento di giovani ricercatori da dedicare allo sviluppo della ricerca prevista.

Il team di lavoro

L’Università di Pavia ha un ruolo determinante nello sviluppo del progetto: fra i suoi docenti ha il coordinatore Europeo del progetto, Prof. Paolo Giudici; il responsabile del database del progetto (data Atlas), Prof. Riccardo Bellazzi; la responsabile delle analisi statistiche dei dati, Prof. Paola Cerchiello; il responsabile della gestione e trattamento dei dati, Prof. Vittorio Casella; ed il Prof. Raffaele Bruno, responsabile della collaborazione fra l’Università ed il Policlinico San Matteo.

Il mondo accademico italiano è rappresentato anche dai ricercatori del Politecnico di Milano e dell’Università degli studi di Trento.

LEGGI ANCHE

Broni: al via l’unità speciale per la cura a domicilio dei pazienti Covid

TI POTREBBE INTERESSARE

Pediatra morta di Covid: è deceduta al San Matteo dove ha lavorato diversi anni

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità