Montesegale

Agguato a famiglia in auto: rapinati sotto la minaccia della pistola

Arrestato, dopo due anni, un 48enne rintracciato grazie ai telefoni rubati.

Agguato a famiglia in auto: rapinati sotto la minaccia della pistola
Voghera, 03 Settembre 2020 ore 12:16

Nella mattinata i Carabinieri della Compagnia di Voghera, hanno arrestato – presso l’abitazione della città iriense – S.M. 48enne di Voghera, su ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Pavia.

Rapina a mano armata

La misura è stata disposta in seguito alla confermata sentenza di condanna della 3ª sezione penale della Corte d’Appello di Milano divenuta definitiva lo scorso 24 luglio. L’arrestato aveva commesso una rapina a mano armata a Montesegale la sera dell’8 marzo 2018, in concorso con altro soggetto, ai danni di un commerciante casteggiano che rincasava a bordo della sua autovettura con la moglie e due bimbi.

I rapinatori, con il volto travisato, dopo aver sorpassato e bloccato il veicolo condotto dalla vittima, sono scesi dalla vettura e sotto la minaccia di una pistola, si sono fatti consegnare un marsupio contenete effetti personali, portafogli, due telefoni cellulari e la somma di circa 600 euro.

Le indagini sui telefoni rubati

Le indagini erano state condotte dai Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Voghera. Gli investigatori, dopo aver esaminato i filmati ripresi dalle telecamere di sicurezza e di controllo del traffico della zona, hanno iniziato una serie di pedinamenti su alcuni individui sospetti. La svolta, però, arriva dai cellulari rubati. Grazie ad una serie di verifiche tecniche, i Carabinieri sono risaliti agli acquirenti dei telefoni: due extracomunitari, anche loro abitanti a Voghera, denunciati per ricettazione, e da lì a poco all’autore della rapina.

Gatto intrappolato nel vano motore di un’auto, arrivano i Vigili del Fuoco

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia