Faq lockdown

34 domande e risposte su cosa si può fare e cosa no nelle zone rosse

Le regole dettate dal nuovo Dpcm non bastano: perché le sfaccettature sono tante e riguardo a tanti dubbi e quesiti, occorre interpretarle. 

34 domande e risposte su cosa si può fare e cosa no nelle zone rosse
Pavia, 06 Novembre 2020 ore 10:46

Ma voi ci avete capito tutto, proprio tutto, di questo nuovo Dpcm 3 novembre 2020? Proviamo ad aiutarvi a sciogliere gli ultimi dubbi con ben 34 domande e risposte su cosa si può fare e cosa no nelle zone rosse.

LEGGI ANCHE>> Autocertificazione novembre 2020: ecco il nuovo modulo da scaricare per gli spostamenti

Le regole da rispettare nelle zone rosse

Ricapitoliamo.

Coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino: consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, da situazioni di necessità ovvero per motivi di salute.

Obbligo di mascherina all’aperto e al chiuso.

Bar e ristoranti rimangono chiusi dopo le 18, salvo asporto e consegna a domicilio fino alle ore 22.

Centri commerciali chiusi nel weekend e nei giorni festivi. Si fermano anche i musei, le mostre, le sale bingo. Rimangono chiusi cinema e teatri.

Trasporti pubblici al 50%.

Torna anche la formula della “forte raccomandazione” a non spostarsi per tutto il resto della giornata, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi.

Vietato ogni spostamento in entrata e uscita e all’interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati

Stop anche alle attività dei negozi, fatta eccezione per attività di vendita di generi alimentari, edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie.

Fermi anche i mercati, tutte le attività di bar e ristorazione (salvo la consegna a domicilio, e si potrà andare a prendere cibo d’asporto in loco fino alle 22)

Salvi i parrucchieri

Stop alle attività sportive. Resta invece consentita l’attività motoria in prossimità della propria abitazione e con obbligo della mascherina e l’attività sportiva esclusivamente all’aperto e in forma individuale

Scuola: didattica a distanza dalla seconda media in su.

Cosa si può fare e cosa no: LE FAQ

Ma le regole non bastano: perché le sfaccettature sono tante e riguardo a tanti dubbi e quesiti occorre interpretarle.

1) SI PUO’ ANDARE NEI COMUNI LIMITROFI A FARE LA SPESA?

Si può andare a fare la spesa nei comuni limitrofi se nel proprio Comune non vi è un supermercato/esercizio in grado di soddisfare le esigenze della cittadinanza. Si può prenotare sia la spesa on-line e andare a ritirarla che recarsi ad effettuare la spesa di persona.

2) SI PUO’ ANDARE A SVOLGERE ATTIVITA’ SPORTIVA IN MONTAGNA?

Si è in attesa dei chiarimenti dal Gabinetto del Ministro.

3) LE DISCARICHE SONO APERTE E SI POSSONO CONFERIRE I RIFIUTI/MATERIALI?

Si è permesso.

4) I PARRUCCHIERI POSSONO RICEVERE SU APPUNTAMENTO CLIENTI PROVENIENTI DA ALTRI COMUNI?

No. Si va dal parrucchiere presente nel proprio Comune di residenza. Se nel proprio Comune non vi è un parrucchiere allora si può andare in un Comune limitrofo

5) LE PERSONE AFFETTE DA PATOLOGIE QUALI DIABETE, IPERTENSIONE ECC. CHE RICHIEDONO ATTIVITA’ MOTORIA POSSONO ANCHE ALLONTANARSI DAL DOMICILIO?

Si ovviamente sempre individualmente e non in gruppo purchè vi siano patologie acclarate. Se hanno un certificato medico dovrebbero portarlo con sé altrimenti lo dichiareranno ed eventualmente lo produrranno successivamente a richiesta per la verifica. Ovviamente debbono partire da casa a piedi non prendere la macchina andare sul lungolago a Lecco e fare la passeggiata.

6) SPOSTAMENTI DEI PARENTI PER ACCUDIRE I FIGLI DEI GENITORI CHE LAVORANO?

Siamo in attesa dei chiarimenti dal Gabinetto del Ministro.

7) GENITORI SEPARATI E DIRITTO DI FREQUENTAZIONE E VISITA DEI FIGLI?

E’ possibile secondo i tempi stabiliti in sede di separazione e/o divorzio. Meglio se si portano con sé il verbale di omologa e/o sentenza di separazione, e/o sentenza di divorzio ove sono riportate le condizioni e specificatamente i periodi con i quali possono tenere i figli.

8) OPERAI CHE LAVORANO IN CANTIERI PUBBLICI O PRIVATI E PRANZO DI LAVORO?

I bar, ristoranti ecc. possono servire il pranzo nel locale a patto che vi sia una convenzione/contratto scritto in quanto vengono parificati alle mense.

9) E’ POSSIBILE RECARSI PRESSO ORTI E FONDI PRIVATI CHE SI TROVANO IN UN COMUNE DIVERSO DA QUELLO DI RESIDENZA?

No non è possibile.

10) I CIMITERI SONO APERTI? CI SI PUO’ RECARE AL CIMITERO?

I Cimiteri sono aperti. Ci si può recare al Cimitero ma solo nel proprio Comune di residenza.

11) ATTIVITA’ MOTORIA E PASSEGGIO CON ANIMALE DA COMPAGNIA SI PUO’ FARE E DOVE?

Nei pressi dell’abitazione. La distanza non è stata esplicitata.

12) I CICLISTI POSSONO GIRARE LIBERAMENTE E USCIRE DAL PROPRIO COMUNE DI RESIDENZA?

Si attendono i chiarimenti dal Gabinetto del Ministro.

13) IL PRIVATO PUO’ USARE LA MOTOSEGA PER IL TAGLIO DELLA LEGNA AD USO PRIVATO?

Si ma solo nel proprio Comune di residenza. Non ci si può recare in un Comune dove non si è residenti.

14) LA CERTIFICAZIONE E’ NECESSARIA ANCHE PER SPOSTARSI ALL’INTERNO DEL COMUNE DI RESIDENZA?

Si. Si ribadisce che non è obbligatorio averla con sé. Le Forze dell’Ordine le hanno. Se la si ha con sé si velocizzano solo le operazioni.

15) I FRONTALIERI POSSONO ANDARE E TORNARE DAL LAVORO?

Assolutamente si essendo esigenza di lavoro.

16) BATTESIMO. CHI PUO’ PARTECIPARE?

Al Battesimo e a tutte le cerimonie religiose si può partecipare seguendo le norme concordate tra la Santa Sede e lo Stato Italiano ma all’interno del proprio Comune di residenza.
Può partecipare ad un battesimo, matrimonio, cresima, comunione uscendo dal proprio Comune di residenza solo il Padrino/Madrina, Testimone. Gli altri parenti se non risiedono nel medesimo Comune dove si celebra il rito religioso non possono partecipare.

17) MATRIMONIO CIVILE, CITTADINANZA E CARTA DI IDENTITA’

Matrimonio civile si celebra con i testimoni e gli invitati secondo le regole già previste per evitare assembramenti. Da fuori Comune possono partecipare solo i testimoni.
Cittadinanza solo colui che la riceve.
Carta di identità si fa su appuntamento.

18) I LAVORI SOCIALMENTE UTILI CONTINUANO?

Si.

19) DOTE COMUNE CONTINUA?

Si.

20) SCUOLA DI MUSICA CON LEZIONI INDIVIDUALI DI STRUMENTO (NON A FIATO) RIVOLTE A BAMBINI/RAGAZZI, NEL PIENO RISPETTO DELL REGOLE DI SICUREZZA POSSONO CONTINUARE?

No.

21) LA PESCA E’ CONSENTITA? SE SI ANCHE FUORI DAL PROPRIO COMUNE DI RESIDENZA?

No la pesca non è consentita nemmeno nel proprio Comune di residenza.

22) L’ATTIVITA’ VENATORIA E’ CONSENTITA?

No.

23) DPCM ART. 3 PUNTO 4B STABILISCE CHE I MERCATI SONO CHIUSI “SALVO LE ATTIVITA’ DIRETTE ALLA VENDITA DI SOLI GENERI ALIMENTARI” MA SUCCESSIVAMENTE L’ALLEGATO 23 DA LA POSSIBILITA’ DI SVOLGERE COMMERCIO AL DETTAGLIO AMBULANTE ANCHE DI PROFUMI, COSMETICI, SAPONI E DETERSIVI, BIANCHERIA, CONFEZIONI ECC.

Nei mercati è consentita solo la vendita di generi alimentari per umani e non.
Le altre attività sono consentite solo in maniera itinerante e/o a domicilio per evitare assembramenti.

24) SONO CONSENTITE LE ATTIVITA’ DI DOPOSCUOLA, LABORATORI ECC. PER I MINORI?

No non sono consentite, salvo quanto previsto all’art. 3, lett. F del DPCM 03.11.2020 che così recita “… omissis … resta salva la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o in ragione di mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica di alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, secondo quanto previsto dal decreto del Ministro n. 89 dell’istruzione 7 agosto 2020, e dall’ordinanza del Ministro dell’istruzione n. 134 del 9 ottobre 2020 … omissis …”.

25) STRUTTURA CHE COMPRENDE BAR, ALBERGO ED EDICOLA SE DECIDE DI TENERE CHIUSO IL BAR E L’ALBERGO DEVE OBBLIGATORIAMENTE GARANTIRE IL SERVIZIO EDICOLA?

Si.

26) SI PUO’ PROCEDERE AL TAGLIO DEL BOSCO IN QUALITA’ DI HOBBISTA A FINI DI CONSUMO PER LA FAMIGLIA?

Si ma solo all’interno del proprio Comune di residenza.

27) I MANGIMI POSSONO ESSERE VENDUTI NEI MERCATI?

Si perché trattasi di generi alimentari ma solo gli alimenti. Solo a mero titolo esemplificativo e non esaustivo non si possono vendere guinzagli, bocce per i pesci rossi, gabbiette ecc.

28) IL PEDIBUS PUO’ CONTINUARE?

Assolutamente si.

29) UN FIGLIO PUO’ FARE LA SPESA PER I GENITORI ANZIANI E/O DISABILI E POI PORTARLA A CASA LORO ANCHE SE ABITANO IN UN COMUNE DIVERSO DAL SUO?

Assolutamente si. Anzi è consigliato così si evita di far uscire di casa le persone fragili.

30) CI SI PUO’ RECARE NELLA SECONDA CASA POSTA AL DI FUORI DEL PROPRIO COMUNE DI RESIDENZA?

No, salvo per necessità indifferibili ed urgenti (pericolo di crollo ecc.).

31) CHI CELEBRERA’ LA FESTA DEL 4 NOVEMBRE DOMENICA 8 LA POTRA’ CELEBRARE?

Assolutamente si con la regola in vigore. No corteo, assembramenti ecc.. Persone il minimo indispensabile.

32) ATTIVITA’ CHIUSE POSSONO PRENDERE ORDINI ON LINE, PER TELEFONO ECC. E CONSEGNARE A DOMICILIO?

Assolutamente si.

33) I CIMITERI E I PARCHI SONO APERTI?

Si.

34) BIBLIOTECHE POSSONO CONSEGNARE LIBRI A DOMICILIO?

Le biblioteche sono chiuse ma possono consegnare libri a domicilio.

LEGGI ANCHE:

Lombardia zona rossa, Fracassi: “Sorge un dubbio, classificati in base al colore della giunta regionale?”

TI POTREBBE INTERESSARE

Altri due medici uccisi dal Covid in Lombardia, entrambi erano di Pavia

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia