Il giallo

15enne investito e ucciso: spunta la lite in serata con l’uomo alla guida dell’auto

Spetta ora agli inquirenti capire se sia effettivamente stato solo un incidente.

15enne investito e ucciso: spunta la lite in serata con l’uomo alla guida dell’auto
Pavese, 19 Agosto 2020 ore 09:58

Inizialmente è stato accusato di omissione di soccorso, poi – in seguito alla morte di Amin Benelhamra, il 15enne travolto la serata di ferragosto dopo una serata in discoteca – di omicidio stradale: ma ora F.S ( 26enne di origine albanese, operaio incensurato residente a Sannazzaro de’ Burgondi) rischia di essere accusato di ben altro reato. Secondo alcune testimonianze parrebbe infatti che, prima del tragico incidente che ha portato alla morte del giovane 15enne investito da un’auto mentre si trovava in motorino insieme ad un amico, l’autista e il giovane adolescente avessero avuto una discussione. Se così fosse, e se fosse possibile stabilire che F.S. ha deliberatamente investito il motorino su cui viaggiavano i due giovani, l’accusa passerebbe da omicidio stradale all’ipotesi di omicidio preterintenzionale.
Ma è ancora tutto da dimostrare, poiché questa per ora rimane solo una delle ipotesi.

Poche certezze

Quel che è certo è che al momento dello schianto i giovani stavano percorrendo in motorino la Sp193 per tornare a casa, diretti a San Martino (dove entrambi risiedevano). Non si può dire lo stesso della Mercedes guidata dall’indagato, che in base alla ricostruzione dei fatti stava percorrendo la strada nella stessa direzione di marcia dei due giovani, seppur non fosse la strada che porta a Sannazzaro de’ Burgondi, dove il 27enne risiede. Dove stava andando, dunque? E’ stato davvero un semplice incidente con cause fatali?

Spetta ora agli inquirenti ricostruire la serata e gli ultimi istanti di vita del giovane Amin Benelhamra, originario del Marocco e residente a San Martino Siccomario.
Secondo quanto raccontato dall’autista, dopo aver accidentalmente investito il motorino sarebbe fuggito, probabilmente preso dal panico, per poi costituirsi qualche ora dopo presentandosi in caserma.

Il testimone chiave

Testimone chiave potrebbe essere il 19enne alla guida del motorino, amico di Amin, travolto dall’auto e finito in pronto soccorso. Il giovane, rimasto ferito nell’incidente, dopo essere stato medicato è già stato dimesso dall’ospedale con una prognosi di 15 giorni. Gli inquirenti devono ancora ascoltare la sua testimonianza, che potrebbe rivelarsi estremamente preziosa. Parrebbe però che il 19enne non ricordi nulla – almeno per il momento – dell’incidente e di ciò che è avvenuto prima della rovinosa caduta a terra.

LEGGI ANCHE: È morto il 15enne investito fuori dalla discoteca sabato notte

 

 

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia