Attualità
Covid-19

Vaccinazioni Covid: Lombardia da record a livello mondiale. I dati in provincia di Pavia

Nella nostra provincia il 74,42% della popolazione target ha ricevuto almeno la prima somministrazione.

Vaccinazioni Covid: Lombardia da record a livello mondiale. I dati in provincia di Pavia
Attualità Pavia, 30 Luglio 2021 ore 17:18

Presidente Attilio Fontana: "In Lombardia vaccinazioni da record a livello mondiale". Primatista assoluta in Italia, la nostra Regione è quinta nella graduatoria dei paesi di tutto il mondo.

CLICCA QUI PER VISIONARE TUTTI I DATI DELLA CAMPAGNA VACCINALE IN LOMBARDIA

Vaccinazioni Covid: Lombardia da record a livello mondiale

"La Lombardia con oltre 12 milioni di dosi somministrate, ad oggi, si conferma al primo posto per copertura vaccinale tra le Regioni d’Italia e al quinto posto al mondo, dietro Israele, Danimarca, Regno Unito e Belgio. Un dato che ci riempie di orgoglio e per il quale non smetterò mai di ringraziare, insieme ai lombardi che hanno mostrato grande senso di responsabilità, chi ha reso possibile tutto questo: personale sanitario, tecnico e amministrativo, volontari. Oltre ovviamente al dottor Bertolaso, che ha messo in piedi un’organizzazione efficace e potente, alla vicepresidente Moratti e all’assessore Foroni che gli hanno messo a disposizione gli strumenti per realizzarla”.

Lo ha detto il presidente della Regione, Attilio Fontana, aprendo la conferenza stampa durante la quale è stato fatto il punto sulla situazione della campagna vaccinale in Lombardia.

“C’è poi un altro dato di straordinaria importanza da evidenziare, un dato – ha proseguito Fontana – che valorizza il successo della campagna vaccinale lombarda, non solo per il primato ottenuto, ma per le conseguenze che questa ha provocato. Ovvero che nonostante la variante ‘delta’ del virus ormai sia predominante nella nostra regione, ad un aumento dei casi positivi, non corrisponde un analogo incremento dei ricoveri in ospedale, né in area medica, né in terapia intensiva. I pochi che purtroppo finiscono in ospedale non sono stati vaccinati o non avevano completato il ciclo vaccinale”.

Lombardia ancora in zona bianca

“Questo significa – ha aggiunto il governatore – che la strada che stiamo seguendo è quella giusta. E non è un caso, infatti, che la Lombardia, regione più popolosa d’Italia, anche oggi, nel monitoraggio settimanale della ‘Cabina di Iss e Ministero della Salute’, resti ancora in zona bianca. Con meno di 50 casi per 100 mila abitanti e le percentuali di occupazione dei posti letto in area medica pari al 3% e in terapia intensiva al 2%, è ben al di sotto delle rispettive soglie del 15% e 10%, previste dai nuovi parametri per il passaggio a una zona con più restrizioni".

Il presidente Fontana ha quindi voluto appellarsi a chi “ancora ha dubbi o paure” chiedendo loro di “guardare a questi dati con obiettività e fiducia”.

“Mi riferisco in particolare a quegli over 60 – ha aggiunto – che ancora non si sono vaccinati e che purtroppo rientrano tra le categorie più a rischio e che stiamo andando a cercare sul territorio nel tentativo di persuaderli. Il vaccino consente di evitare le conseguenze gravi della malattia e l’ospedalizzazione, questo ormai è evidente”.

Moratti: "Puntiamo ad un autunno in sicurezza"

"L'andamento della nostra campagna vaccinale mostra la Lombardia ai vertici mondiali, siamo quinti dopo Gran Bretagna, Israele, Danimarca e Belgio, grazie all'impegno straordinario di migliaia di donne e uomini e al senso civico dei nostri concittadini", lo ha sottolineato Letizia Moratti, vicepresidente e assessore al Welfare della Regione Lombardia, nel corso dell'incontro con la stampa a cui sono intervenuti il presidente Attilio Fontana, l'assessore Pietro Foroni, il commissario Guido Bertolaso e il direttore generale Welfare Giovanni Pavesi.

"La nostra regione - ha evidenziato Letizia Moratti - ha avuto uno scatto d'orgoglio che ha riguardato tutti, dal personale medico ai cittadini. Visto il clima olimpico, dico che siamo in zona medaglia: puntiamo a scalare ancora la classifica mondiale per conquistare la migliore posizione possibile. Come? Con un impegno che non verrà meno neppure ad agosto". "La Lombardia è 'aperta per ferie', i centri vaccinali rimangono aperti - ha aggiunto - con un milione di somministrazioni nel mese di agosto. La variante 'delta' colpisce soprattutto i giovani, per la loro mobilità, per la loro volontà di socializzazione e noi siamo in campo per contrastarla".

Tamponi gratuiti per ragazzi e genotipizzazioni

"Vogliamo mettere in sicurezza - ha aggiunto la vicepresidente - la ripresa autunnale, in particolare quella delle scuole, dove la didattica a distanza ha mostrato limiti e ha creato problemi. Rileviamo il 65% di adesione per i ragazzi nella fascia 12-19 anni. Ci stiamo attrezzando con ulteriori misure per una ripresa scolastica in sicurezza, anche con i tamponi. Per la fascia 12-14 anni tamponi antigenici gratuiti presso le farmacie e le Asst, misura che verrà ampliata alla fascia 6-12 anni, anche in considerazione del fatto che questo target non è vaccinabile. Abbiamo avviato sperimentalmente il test salivare per i più giovani e continueremo in coerenza con le decisioni ministeriali. Proseguiremo con la genotipizzazione di tutti i tamponi positivi, ampliandola sino agli under 12".

Personale scolastico e università

"Un'attenzione particolare - ha puntualizzato Letizia Moratti - è rivolta agli insegnanti e al personale della scuola, compresi gli operatori delle mense e gli autisti degli scuolabus, per creare un ambiente quanto più possibile Covid free. Vaccinazioni aperte anche ai non residenti che lavorano in Lombardia nella scuola pubblica e parificata. Su 333.000 persone occupate nella scuola risulta già vaccinato l'82%, comunque al di sopra della media nazionale. Tra i ventenni siamo all'81% di adesione al vaccino. Lavoriamo quindi per didattica in presenza all'Università".

Le vaccinazioni in provincia di Pavia

Nella nostra provincia il numero di prime dosi sfiora ormai supera quota 350mila. Per la precisione alle 5 il portale di regione Lombardia indicava per la provincia di Pavia 351.778 somministrazioni pari al 74,42% della popolazione target fissata a 472.722. Sono invece oltre duecentosettantamila (272.447) le persone che hanno completato il ciclo vaccinale anche con il richiamo. Nonostante gli alti numeri, Pavia resta fanalino di coda per percentuale di vaccinati con prima dose in base alla popolazione target, penultima in regione davanti solo a Mantova.

CLICCANDO QUI E' POSSIBILE CONSULTARE I DATI DI TUTTI I COMUNI DELLA PROVINCIA

Recuperare i controlli

Il governatore della Lombardia infine ha ricordato come dall’inizio del suo insediamento abbia sempre sostenuto che il contenimento dei tempi d’attesa sarebbe stato obiettivo prioritario. “Così – ha spiegato Fontana – già nel 2018 ho avviato nelle Ats di Milano e Brescia una sperimentazione affinché venissero implementati gli slot d’agenda per tutte quelle prestazioni che superavano del 10% i tempi di riferimento. Una sperimentazione che aveva prodotto risultati positivi con una riduzione del 18% sui tempi d’attesa. Avevamo previsto di ampliare la sperimentazione a tutto il territorio regionale, ma la pandemia ha forzatamente interrotto il nostro percorso”.

“Ora che la situazione sembra più gestibile – ha concluso Fontana – e soprattutto che appare evidente la necessità di recuperare tutti i controlli che purtroppo molti cittadini non hanno potuto fare, torniamo all’azione. Con una delibera che sarà portata in Giunta lunedì prevediamo di destinare fino a 100 milioni di euro proprio per il contenimento delle liste d’attesa. Il Covid ha inevitabilmente catalizzato tutta la nostra attenzione, dobbiamo imparare a conviverci e quindi a dedicare ulteriori energie alle altre patologie che rischiano di provocare effetti gravi sui nostri cittadini”.

5 foto Sfoglia la gallery