INQUINAMENTO ATMOSFERICO

Polveri sottili alle stelle, scattano le limitazioni al traffico in provincia di Pavia

Per sei giorni consecutivi i valori di PM10 hanno superato i limiti di legge

Polveri sottili alle stelle, scattano le limitazioni al traffico in provincia di Pavia
Pubblicato:
Aggiornato:

Si alzano i livelli di inquinamento atmosferico e regione corre ai ripari attivando le misure temporanee antismog. In particolare dopo il sesto giorno consecutivo di superamento dei livelli di PM10, in provincia di Pavia scattano le limitazioni di primo livello.

Inquinamento alle stelle

L'innalzamento dell'inquinamento atmosferico ha spinto Regione Lombardia a intervenire attivando le misure temporanee antismog nelle province di Pavia, Milano, Bergamo, Lodi, Monza e Cremona. A partire da oggi, infatti, martedì 30 gennaio 2024 sarà vietata la circolazione dei motori diesel e benzina più datati, mentre sarà limitato l'utilizzo dei riscaldamenti a legna.

I livelli di PM10

La decisione è stata presa a seguito del persistente superamento dei livelli di concentrazione di particolato fine PM10, che rappresenta una grave minaccia per la salute pubblica. Nelle province di Monza e Cremona, il superamento dei limiti ha raggiunto il settimo giorno consecutivo, mentre a Pavia, Milano e Bergamo si registrano sei giorni di superamento, cinque invece nella provincia di Lodi.

Le restrizioni si basano su un sistema a due livelli: nelle province di Monza e Cremona, dove la situazione è più critica, scatteranno misure temporanee di secondo livello, che includono il divieto di utilizzo dei generatori a legna per il riscaldamento domestico, tranne in presenza di impianti alternativi di classe emissiva fino a 4 stelle.

Per le province di Milano, Bergamo, Pavia e Lodi, dove il superamento dei limiti ha raggiunto il sesto o quinto giorno consecutivo, saranno attivate le misure temporanee di primo livello, che includono lo stop ai motori più datati.

Cosa prevedono le misure

Divieto di combustioni (in tutti i comuni delle province coinvolte) e di accensione di fuochi all’aperto;

Traffico

Nei comuni con più di 30.000 abitanti delle province coinvolte è prevista la limitazione alla circolazione tutti i giorni nella fascia 7.30-19.30 per tutti i veicoli Euro 0 e 1 di qualsiasi alimentazione e per i veicoli Euro 2, 3 e 4 a gasolio.

Rispetto a quelle previste dalle misure permanenti, le limitazioni si applicano anche nelle giornate di sabato e di domenica e coinvolgono anche i veicoli Euro 4 diesel commerciali anche se con FAP e gli Euro 0 e 1 a GPL e metano.

Gli autoveicoli che hanno aderito a MoVe-In sono soggetti a limitazioni temporanee della circolazione come gli altri veicoli inquinanti, fino alla disattivazione delle stesse.

Riscaldamento

In tutti i comunidelle province coinvolte è vietato:

  • tenere temperature superiore a 19°C nelle abitazioni e negli esercizi commerciali
  • utilizzare generatori a legna per riscaldamento domestico (in presenza di impianto alternativo) di classe emissiva fino a 3 STELLE compresa (I° livello); e utilizzare generatori a legna per riscaldamento domestico (in presenza di impianto alternativo) di classe emissiva fino a 4 STELLE compresa (in caso di II° livello)

Agricoltura

In tutti i comuni della provincia delle province coinvolte è vietato spandere gli effluenti di allevamento, delle acque reflue, dei digestati, dei fertilizzanti e dei fanghi di depurazione, salvo iniezione e interramento immediato.

Commenti
Gigi

Io ho l'auto e la casa completamente elettriche e mi tocca morire asfissiato per colpa di tutti sti trogloditi

Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali