Attualità
Studio Pubblicato su Science Advances.

I ricercatori dell'Università di Pavia sviluppano una tecnologia fotovoltaica rivoluzionaria

Il sistema, strategico per la transizione ecologica, nasce da una tecnologia basata su vernici a “perovskite ibrida".

I ricercatori dell'Università di Pavia sviluppano una tecnologia fotovoltaica rivoluzionaria
Attualità Pavia, 01 Dicembre 2021 ore 15:38

Dai ricercatori dell'Università di Pavia efficienza record per celle solari innovative. Il sistema, strategico per la transizione ecologica, nasce da una tecnologia fotovoltaica rivoluzionaria basata su vernici a “perovskite ibrida". lo studio pubblicato su Science Advances.

Efficienza record per celle solari innovative

Il settore energetico è responsabile di circa tre quarti delle emissioni di CO2 globali: la fine della dipendenza dai combustibili fossili è il prerequisito per raggiungere gli obiettivi di transizione energetica entro il 2050, come emerso dal COP26 che identifica nelle fonti di energia rinnovabili la chiave per la decarbonizzazione.

LEGGI ANCHECop26, nella taskforce anche il rettore dell'Università di Pavia Francesco Svelto

Le energie rinnovabili

In particolare, ad oggi, il solare è leader tra le rinnovabili, con una crescita record in Europa di capacità fotovoltaica installata di 137.2 GW nel 2020, e un potenziale enorme nei prossimi anni.

Ricerca e innovazione in nuovi materiali e nuove forme di generazione di energia solare rappresentano quindi i pilastri fondamentali per una reale transizione energetica. Un fotovoltaico moderno, dunque, “portabile”, a basso costo, facilmente integrabili in edifici, efficiente e al contempo a ridotto impatto ambientale, in grado di competere con le attuali tecnologie altamente energivore.

Tecnologia fotovoltaica rivoluzionaria

Il gruppo Pvsquared2 diretto dalla professoressa Giulia Grancini dell’Università di Pavia lavora in questa direzione sviluppando una tecnologia fotovoltaica rivoluzionaria basata su vernici a perovskite ibrida. Si tratta di inchiostri stampabili, facilmente integrabili mediante processi a basso costo e a ridotto contenuto energetico, in un fotovoltaico innovativo, flessibile, economico e sostenibile. Una soluzione che apre la strada allo sviluppo di nuove tecnologie a basso CapEx e facilmente scalabili.

E’ di recente dimostrazione, in particolare, in collaborazione con la Yana Vaynzof dell’Università Tecnica di Dresda, un nuovo metodo di deposizione di tali inchiostri che ha portato alla realizzazione di celle fotovoltaiche a perovskite (cosiddette in configurazione pin) con valori di efficienza record al mondo (circa il 24%).

“Tale risultato è ottenuto grazie a una speciale ingegnerizzazione chimica degli strati di interfaccia del dispositivo”, commenta Matteo Degani, dottorando del gruppo, responsabile di tale invenzione.

Studio pubblicato su Science Advances

Lo studio è stato pubblicato nella prestigiosa rivista del gruppo Science in Science Advances, uscito oggi, 1 dicembre 2021. La ricerca rappresenta un avanzamento significativo rispetto allo stato dell’arte ponendo sempre più le basi per un loro ingresso nel mercato del solare come soluzioni leader per il fotovoltaico innovativo del futuro.