Menu
Cerca
12 maggio

“Essere Infermiere”: professionisti belli dentro, con un patrimonio di vissuti lavorativi straordinari

Per la Giornata internazionale degli Infermieri, un pool di infermieri pavesi interpreta, davanti a cinepresa e macchina fotografica, la poesia "Come chiamare la vita per nome".

“Essere Infermiere”: professionisti belli dentro, con un patrimonio di vissuti lavorativi straordinari
Attualità Pavia, 05 Maggio 2021 ore 10:19

12 Maggio – Giornata internazionale degli Infermieri. Interpretando la poesia “Come chiamare la vita per nome” di Davide Ferrari.

“Come chiamare la vita per nome” di Davide Ferrari

L’Ordine delle Professioni Infermieristiche (OPI) di Pavia, attraverso il gruppo di lavoro “12 Maggio”, ha organizzato per la Giornata Internazionale degli Infermieri, un’iniziativa di carattere emozionale in grado di suscitare e trasmettere a chi ascolta, il significato dell’essere Infermiere. Un pool di Infermieri capitanati dal Presidente della Commissione d’Albo di Pavia Emanuela Cattaneo.

Responsabile del casting, Silvia Giudici (Riabilitazione Specialistica Neuromotoria ICS Maugeri di Pavia), componente della stessa Commissione d’Albo, si è occupata della selezione delle comparse per dare vita ad una proiezione poetica capace di sottolineare le emozioni degli Infermieri appunto. Una rappresentazione ove gli attori sono veri Infermieri che interpretano loro stessi nel quotidiano professionale fatto di sensazioni, o meglio emozioni, esultazioni, sconfitte. Il bello ed il cattivo tempo del prendersi cura dell’altro.

Emozioni, una dietro l’altra! Questa vita ci regala tanto!

Quello di venerdì pomeriggio, il 30 aprile scorso, un treno in corsa. Vagoni ricolmi di Infermieri dalle divise bianche, azzurre, verdi, rosa, a fantasia. Professionisti belli dentro, con un patrimonio di vissuti lavorativi straordinari. 

L’adesione all’iniziativa “12 Maggio” ha confermato il loro “essere Infermieri”. Davanti a cinepresa e macchina fotografica, microfono e riflettori, mixer. Non semplice il loro obiettivo: interpretare a memoria una narrazione poetica di alto livello dal titolo “Come chiamare la vita per nome”.

Sono stati tutti quanti eccezionali nella  rappresentazione, ognuno con proprie peculiarità e qualità.

Lunga vita ad entusiasmo e passione! Nella vita e nel lavoro!

Tutto nasce dall’idea di dedicare una poesia alla categoria di appartenenza, ma per una sorta di intrecci e coincidenze si trasforma in qualcosa di più grande.

La rappresentazione

Il gruppo di lavoro conosce dapprima il compositore autore nonché poeta e attore pavese Davide Ferrari e poi il regista Alessandro Tosatto. Questi ultimi hanno alle spalle esperienze di collaborazione insieme.

Ferrari e Tosatto propongono agli organizzatori la realizzazione di una rappresentazione poetica in formato video interpretata direttamente dagli Infermieri. L’idea piace subito e molto e, senza celare le difficoltà riscontrate nel trovare le comparse, il gruppo affronta con entusiasmo la fase organizzativa, burocrazia ed autorizzazioni comprese.

I collaboratori dell’iniziativa, membri del gruppo “12 Maggio, sono stati: Irina Elena Tudori, Laura Nicola, Luigi Curia, Matteo Cosi nonché Vicepresidenti OPI, Rosalia Speciale, Massimiliano Barbieri.

Di seguito invece gli attori della kermesse: Diletta Sola, Cardiologia/UTIC, attualmente in forza alla Rianimazione COVID Ospedale Civile di Voghera; Maria Loretta Marinoni, DH Oncologia, ICS Maugeri Pavia; Luigi Curia, Pneumologia Riabilitativa/USIR, coordinatore del Reparto COVID, ICS Maugeri Pavia; Claudia Mossi, Chirurgia Oculistica, Ospedale Asilo Vittoria Mortara con plurime esperienze infermieristiche nel Mondo, tra il disagio sociale e povertà; Mauretta Cattanei, Presidente ANFFAS Pavia; Monica Tosi, UOCP, ICS Maugeri, sede di via Boezio Pavia; Giovanna Cichello, Assistenza Domiciliare area Oltrepò Pavese, Associazione Pavese per la cura del dolore “Lino Sartori” Pavia; Anna Fortunato, ATS, Call Center Unità di Crisi COVID Pavia; Piera Galli, Neuroriabilitazione, FM Casimiro Mondino Pavia; Emanuela Cattaneo, Ambulatorio Cardiologia, ICS Maugeri, Pavia; Irina Elena Tudori, Pediatria 3° piano degenti, IRCCS San Matteo Pavia; Sabrina Storni, OncoEmatologia Pediatrica, IRCCS San Matteo Pavia; Cristina Indino, Cardiologia, IRCCS San Matteo Pavia; Lavinia Fontana, Cardiologia, ICS Maugeri Pavia; Lorenzo Barbuzza, Casa di Cura Villa Esperia, Godiasco (PV); Andrea Bellingeri, Ambulatorio Vulnologia, IRCCS San Matteo Pavia.

Altri Infermieri hanno contribuito all’iniziativa inviando fotografie ritraenti sé stessi nel contesto di cura, immagini che verranno postate sulla pagina Facebook dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Pavia. Questi sono: Maria Dorin, Unità Risveglio, ICS Maugeri Pavia; ancora Claudia Mossi, Chirurgia Oculistica, Ospedale Asilo Vittoria Mortara; Daniela Bonato, UOCP, ICS Maugeri, sede di via Boezio Pavia; Valeria Mangiarotti, Fondazione Franco Cella di Rivara, Broni (PV); ancora Mauretta Cattanei, Presidente ANFFAS Pavia; sempre Anna Fortunato, ATS, Call Center Unità di Crisi COVID Pavia; sempre Luigi Curia, Riabilitazione Pneumologica/USIR, ICS Maugeri Pavia; Silvia Giudici, Riabilitazione Specialistica Neuromotoria, ICS Maugeri, Pavia; Laura Verri, Tensostruttura Area Tamponi COVID, ICS Maugeri Pavia.

8 foto Sfoglia la gallery

CLICCANDO QUI E’ POSSIBILE LEGGERE IL TESTO DELLA POESIA “COME CHIAMARE LA VITA PER NOME”