Attualità
Mancato pagamento imposte

Bancarotta fraudolenta: sequestrati immobili per 5,9 milioni a imprenditore vigevanese

Si tratta di 21 tra immobili, terreni e fabbricati. 

Bancarotta fraudolenta: sequestrati immobili per 5,9 milioni a imprenditore vigevanese
Attualità Vigevano, 13 Luglio 2022 ore 11:12

Sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte: sequestrati immobili per un valore di circa 5,9 milioni di euro a noto imprenditore vigevanese del settore calzaturiero.

Sequestrati immobili, terreni e fabbricati

La Guardia di Finanza, su delega della Procura della Repubblica di Pavia, ha dato esecuzione nella giornata odierna, mercoledì 13 luglio 2022, al sequestro preventivo finalizzato alla confisca, emesso dal G.I.P. del Tribunale di Pavia, sino a concorrenza della somma di circa 5,9 milioni di euro, profitto dei reati di Sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte e di Dichiarazione infedele.

La misura reale ha trovato piena attuazione nel sequestro di 21 immobili, terreni e fabbricati, intestati formalmente a varie società, ma nella disponibilità di fatto di un noto imprenditore operante a Vigevano (PV) nel settore della trasformazione e commercializzazione di semilavorati nel settore calzaturiero.

Bancarotta fraudolenta

L'odierna attività costituisce lo sviluppo delle indagini che avevano portato nel maggio scorso all'esecuzione della misura cautelare in carcere dell'imprenditore, colpito dall'odierna misura reale, e agli arresti domiciliari di un soggetto prestanome al suo servizio, per il reato di bancarotta fraudolenta patrimoniale.

Dalle indagini è emerso che l'imprenditore lomellino, al fine di sottrarre la società, di fatto a lui riconducibile, e il relativo patrimonio, al pagamento di imposte, sanzioni e interessi pari a circa 8 milioni di euro, ha compiuto atti fraudolenti tesi a svuotarla, a vantaggio di una nuova società neo-costituita, a questa subentrante.

Sulla base dell'attività investigativa e alla luce del rilevante debito tributario accumulato nei confronti del fisco della società colpita dalle condotte distrattive, il PM titolare delle indagini ne ha richiesto il fallimento che è stato dichiarato dal Tribunale di Pavia in data 8 luglio 2022.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter