Menu
Cerca
Avanzamento lavori

Area ex Necchi: conclusi i prelievi necessari a verificare la qualità delle acque e dei suoli

Terminata l'esecuzione del piano di caratterizzazione nei tempi previsti.

Area ex Necchi: conclusi i prelievi necessari a verificare la qualità delle acque e dei suoli
Attualità Pavia, 08 Giugno 2021 ore 17:52

Si è conclusa, nei tempi previsti, l'esecuzione del piano di caratterizzazione dell’area ex Necchi, ossia il piano che consente di ricostruire i fenomeni di contaminazione ambientale e quindi di definire le successive azioni di bonifica.

Area ex Necchi: conclusi i prelievi a verificare la qualità delle acque e dei suoli

In tutta l’area sono stati realizzati i sondaggi e sono stati effettuati i prelievi necessari a verificare la qualità delle acque e dei suoli. Ora, come previsto dalle procedure di rito, ARPA realizzerà le verifiche di sua competenza.

Dal 29 marzo 2021, data in cui è stato avviato il piano di caratterizzazione, sono stati analizzati 357 campioni di terreno e 25 campioni di acque di falda.

La complessa e articolata l'attività di prelievo è stata compiuta a seguito della rimozione di 4.100 tonnellate di rifiuti presenti “soprassuolo”. Lo smaltimento dei medesimi è avvenuto dall’11 dicembre 2020 al 22 marzo 2021. Nel dettaglio, sono stati rimossi ben 15 serbatoi, oltre ai “big bags” contenenti amianto.

Terminate le verifiche di ARPA, si provvederà alla rimozione dell’amianto dagli edifici e alla demolizione delle costruzioni.

Il commento del Sindaco Fracassi

“Voglio esprimere la mia soddisfazione per l’avanzamento dei lavori nei tempi previsti” - ha dichiarato il Sindaco di Pavia, Mario Fabrizio Fracassi - “I processi di rigenerazione urbana sono un passaggio fondamentale per il rilancio della nostra Città e credo sia indispensabile abbinare il rigore delle verifiche alla rapidità di esecuzione dei piani di intervento. Quello appena compiuto è un passo ulteriore nella direzione di una Pavia più bella, più attrattiva e anche più serena, essendo la rimozione delle tonnellate di rifiuti di superficie un indubbio guadagno in termini di tutela della salute pubblica”.

(Foto di copertina: heliopolis.eu)