Politica

Mozione di sfiducia a Fontana, Villani (PD): “Un film già scritto”

"Si sono autoassolti, convinti di aver fatto tutto bene. Ma il giudizio dei lombardi su di loro è cambiato profondamente"

Mozione di sfiducia a Fontana, Villani (PD): “Un film già scritto”
Pavia, 28 Settembre 2020 ore 15:27

Mozione di sfiducia al Presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, Villani (PD): “Prima di tutto si sono autoassolti, convinti di aver fatto tutto bene”.

Mozione di sfiducia a Fontana, Villani (PD): “Un film già scritto”

Un film già scritto. O forse no. La mozione di sfiducia al presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana – e, di fatto, a tutta la sua Giunta – non ha riservato sorprese: la maggioranza di centrodestra si è stretta compatta attorno al governatore. Ma soprattutto non ha voluto correre il rischio di tornare a elezioni, secondo gli oppositori. Perché? “Teme di non avere ancora la fiducia del suo elettorato storico, dei lombardi, di quelle vallate abbandonate a se stesse durante l’emergenza Covid”, sintetizza Giuseppe Villani, consigliere regionale del Pd, che assieme ai colleghi degli altri gruppi di minoranza, esclusa la rappresentante di Italia Viva, ha sottoscritto la mozione.

“Prima di tutto si sono autoassolti, convinti di aver fatto tutto bene – prosegue Villani –. Ma il giudizio dei lombardi su di loro è cambiato profondamente. A Fontana e alla sua Giunta regionale i cittadini non perdonano l’arroganza, l’aver detto che non avevano sbagliato nulla e che dormivano sonni tranquilli. Per mesi abbiamo chiesto un cambio di rotta, dalle scelte sulle case di riposo al tracciamento con test e tamponi dei contatti di chi aveva contratto il virus. Lo abbiamo fatto prima con tono collaborativo e istituzionale e quando abbiamo trovato le porte chiuse abbiamo battuto i pugni, ma nel frattempo le cose sono andate come sappiamo”.

Ecco perché, dice il dem, “la sfiducia da parte nostra era dovuta, anche se sapevamo in partenza che la mozione non sarebbe passata perché Lega e alleati sono in netta maggioranza in Regione. Ma non sarà l’autoassoluzione del centrodestra a restituire a questa amministrazione regionale autorevolezza e fiducia”. Per il Pd, dunque, “per quanto la legislatura regionale possa trascinarsi, nei fatti è già finita”.

Nuovi orari Trenord penalizzano i collegamenti regionali con la provincia di Pavia

“L’attuale programmazione delle linee ferroviarie di Trenord ha duramente colpito i collegamenti regionali con la provincia di Pavia, in particolare, la linea Alessandria-Mortara-Novara. Ancora più problematica la linea Milano-Mortara su cui il nuovo orario ha tagliato ben 6 treni giornalieri anche nelle fasce più frequentate dai pendolari, creando un vero e proprio disservizio. E nel fine settimana la situazione peggiora”.

Lo racconta, in un’interrogazione a risposta scritta all’assessore regionale ai Trasporti, Giuseppe Villani, consigliere regionale del Pd. Nell’atto si specificano i problemi, dettagliando i momenti in cui le corse scarseggiano e tutte le soppressioni. Fatti che inducono Villani a chiedere all’assessore “se intenda intervenire per chiedere a Trenord di ripristinare le corse tolte su queste linee in modo da garantire ai pendolari, viaggiatori e studenti, di spostarsi liberamente grazie a una programmazione oraria regolare e consona agli orari di ingresso e uscita dalle attività lavorative e dagli istituti scolastici”.

TORNA ALLA HOME

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia