Migranti: Maggioni (Lega), Lomellina invasa da riders clandestini, rimpatriarli

“Riders senza documenti, clandestini a tutti gli effetti che lavorano in nero per tre euro l’ora".

Migranti: Maggioni (Lega), Lomellina invasa da riders clandestini, rimpatriarli
Lomellina, 22 Marzo 2019 ore 15:05

Migranti, Maggioni (Lega): “Lomellina invasa da riders clandestini che lavorano in nero per tre euro l’ora. Bisogna rimpatriarli”.

Migranti: Maggioni (Lega), Lomellina invasa da riders clandestini

“Riders senza documenti, clandestini a tutti gli effetti che lavorano in nero per tre euro l’ora. L’inchiesta del programma Quarta Repubblica ha evidenziato, se mai ce ne fosse stato bisogno, cosa c’è dietro il finto buonismo di chi per anni ha raccontato balle con la finta accoglienza. Milano e tutto il suo hinterland, la Lomellina e territori come Mortara e Robbio sono invasi da immigrati che, nonostante siano privi di permesso di soggiorno per asilo politico, lavorano ogni notte con false generalità alimentando il sommerso, il caporalato selvaggio, lo spaccio di droga e la criminalità: fuorilegge a tutti gli effetti ospitati da cooperative che continuano a lucrare sulla malavita e la clandestinità. Questa è l’accoglienza voluta dal Pd, dalle cooperative. Una situazione insostenibile che il ministro Salvini sta contrastando giorno per giorno con provvedimenti concreti”. Così il deputato della Lega Marco Maggioni.

“In proposito – annuncia l’esponente leghista – presenterò tra pochi giorni un’interrogazione in cui chiedo ulteriori verifiche sul territorio pavese e soprattutto il rimpatrio immediato per chi si è già visto rifiutare la domanda di asilo dalle autorità preposte. Stop malavita, stop a cooperative che lucrano sulle spalle degli italiani e degli stessi immigrati usati come scudi viventi per fare guadagno”.

LEGGI ANCHE: Si diverte ad investire sacchi di immondizia con il suo pick-up, denunciato

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia