POLITICA

A Pavia "Perchè Nos" un incontro pubblico su inverno demografico, transizione energetica e diseguaglianze sociali

Un evento aperto a tutti: ci si interrogherà su come riuscire a collaborare per dare forma a una società a prova di futuro

A Pavia "Perchè Nos" un incontro pubblico su inverno demografico, transizione energetica e diseguaglianze sociali
Pubblicato:

Oggi, lunedì 25 marzo 2024 alle 18.30 si terrà a Pavia presso il Loft 10 (Piazza Cavagneria, 10) l’incontro “Perché Nos”. Un evento di due ore aperto a tutti in cui si discuterà di politiche a partire da tre grandi temi: l'inverno demografico, la transizione energetica e le crescenti diseguaglianze sociali. Con Alessandro Tommasi, fondatore di Nos, verranno affrontate questioni locali, nazionali e europee. Ci si interrogherà su come riuscire a collaborare per dare forma a una società a prova di futuro.

"Perchè Nos"

“NOS è un media-partito nato con un’idea precisa: contribuire a rafforzare l’area dei liberaldemocratici italiani. In questo senso l’accordo con Azione è lo sbocco naturale del nostro percorso che deve culminare in un grande rilancio di quest’area politica dopo le elezioni europee. C’è una comunità là fuori che da troppo tempo fatica a trovare spazio e voce. Non siamo destinati alla cifra singola! Il nostro impegno è mirato a riguadagnare la fiducia di queste persone con trasparenza, metodo e accountability”, queste le parole di Tommasi in occasione della conferenza stampa al senato di giovedì 29 febbraio 2024 che ha sancito l’accordo elettorale tra Nos e Azione-Siamo Europei per le prossime elezioni europee. Un accordo che vedrà candidati alcuni esponenti di Nos, a partire da Tommasi nella circoscrizione Nord-Ovest, nelle liste di Azione.

Ci sarà quindi il logo di NOS sulla scheda elettorale?

Il riconoscimento del lavoro e della qualità della comunità di NOS sta nella volontà di costruire insieme un percorso comune, trasparente, contendibile e al passo coi tempi. Siamo in una fase ancora convulsa ma rimaniamo aperti a considerare la possibilità qualora ci fossero le condizioni politiche per farlo.

Chi sono gli altri candidati?

Proporremo diversi candidati distribuiti nelle diverse circoscrizioni. Sono persone di grande qualità che hanno già alle spalle attivismo, associazionismo, impresa ed esperienze di amministrazione.

Cosa succede dunque il 10 giugno?

Dopo queste europee, che rimangono le più importanti elezioni europee degli ultimi anni, avvieremo un percorso di costruzione di un nuovo soggetto liberaldemocratico che non rinunci alle diverse storie, identità e sensibilità ma che sia capace di darsi regole trasparenti per valorizzare i talenti, specie i più giovani, e che garantiscano la contendibilità delle leadership.

Siete aperti anche a Italia Viva?

Come dichiarato più volte da Carlo Calenda, c’è una incompatibilità di valori e di metodo, prima ancora che di contenuti, che rende impossibile la creazione di una lista comune, a prescindere dal valore dei singoli membri di Italia Viva fra cui, ovviamente, ci sono persone di tutto rispetto e di qualità.

Chi farà parte del nuovo soggetto il 10 giugno?

Associazioni, movimenti e partiti di ispirazione liberaldemocratica; ma soprattutto singoli cittadini, volontari, militanti. Tante persone guardano la politica da fuori, sono deluse e scoraggiate, ma non per questo meno curiose o pronte a darsi da fare se diamo loro un orizzonte credibile e regole chiare. A loro dobbiamo la costruzione di una casa politica aperta, contendibile, trasparente con una organizzazione interna al passo coi tempi.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali